L’Imolese viene sconfitta di misura (0-1) da un Modena che con i tre punti odierni si lancia nelle parti alte della classifica. Decisivo il gol su rigore in apertura di secondo tempo di Scappini, alla quarta marcatura in nove partite, mentre i padroni di casa si rammaricano per un palo colpito da Stanco proprio nel finale. La partita è comunque molto equilibrata, specie nel primo tempo dove le formazioni si annullano costantemente senza lasciare spazio agli avversari. La seconda frazione, invece, inizia subito con l’episodio che decide il match. Rinaldi, in area, ferma con il braccio il tiro di Scappini dopo un’azione sublime da parte degli ospiti. Come detto è lo stesso attaccante gialloblù a sfruttare l’occasione e a portare in vantaggio i suoi. Cambia così la partita con l’Imolese completamente riversata in avanti, alla ricerca del pareggio e il Modena che cerca il raddoppio con alcuni contropiedi ben orchestrati. Siano con un paio di interventi importanti lascia in partita i suoi che, però, non sfruttano le tre occasioni capitate sulla testa di Stanco, tra cui un palo a portiere ormai battuto. Un momento non certo semplicissimo per la squadra di Cevoli che dopo l’inizio sprint ha raccolto solamente due punti nelle ultime quattro uscite e mercoledì alle 15 sarà impegnata in una trasferta difficilissima a Trieste.

Per l’allenatore dell’Imolese era una gara da ex molto speciale e alla fine Roberto Cevoli è il ritratto della delusione: “Cosa dire… sicuramente andiamo a casa rammaricati perché la partita l’abbiamo fatta bene, tenendo conto che avevamo una squadra forte. Il pareggio ci poteva stare: al di là degli episodi, credo che la mia squadra abbia fatto una buona partita e avrebbe meritato di portare a casa almeno un punto”.

I voti del Corriere Romagna alla formazione rossoblù: Siano 6.5; Pilati 6 (33′ st Sall 6), Rinaldi 6, Carini 5.5; Rondanini 6, Lombardi 6 (16′ st Morachioli 5.5), Torrasi 6, Provenzano 5.5 (33′ st D’Alena n.g.), Tonetto 5.5; Stanco 5.5, Polidori 5.5. 

Argomenti:

IMOLESE

modena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *