Calcio C, il messaggio firmato Viali per caricare il Cesena

CESENA – Il verbo accontentarsi non è evidentemente contemplato nel vocabolario di William Viali, che nelle tenebre del Gavagnin-Nocini a fine partita ha sottolineato innanzitutto una cosa: per arrampicarsi più in alto di un anno fa in classifica è consigliabile vincere partite brutte e sporche come quella di domenica, specialmente se il primo gol lo segna il Cesena e l’avversario tira non più di un paio di volte in porta.

Il Cavalluccio, dopo essere riuscito a fare la cosa più difficile (sbloccare il risultato) e aver disputato un primo tempo più che accettabile, ha invece pagato a caro prezzo una sbandata difensiva e nella ripresa non è più riuscito a emergere dal pantano.

Top e flop

Virtus Verona-Cesena è stato solo l’antipasto e, per una chilometrica serie di motivi legati soprattutto alla lunga pausa e al mercato ancora in evoluzione, non può fare giurisprudenza. Però ha consegnato agli atti alcune indicazioni importanti. Cominciamo dall’attacco: se un anno fa il centravanti titolare si fosse infortunato o avesse avuto un problema a ridosso della partita, sarebbe stato un problema, considerando l’irreperibilità di Sarao e l’indolenza di Butic. Quest’anno, invece, il Cesena ha due attaccanti di prima fascia e può permettersi anche di schierarne solo uno: alla prima palla buona, Mattia Bortolussi ha segnato un gol da applausi. A centrocampo, prima di chiudere in riserva e di essere divorato dalla mediocrità del Lato B, non è dispiaciuta la regia di Petermann, molto ispirato nel primo tempo e appoggiato dall’inossidabile Ardizzone, capitano per un giorno. Sufficienza piena anche per la difesa: Munari ha sofferto il giusto e ha pure regalato l’assist dello 0-1 a Bortolussi, al centro Ricci e Ciofi non hanno concesso nulla alle punte della Virtus (unica sbavatura la blanda difesa di Ciofi sull’eurogol di Marcandella), mentre Favale ha proceduto a strappi senza demeritare.

Viceversa, basandosi esclusivamente sulla partita di Verona e aspettando l’inserimento e la crescita degli ultimi arrivati (su tutti Koffi), il Cesena non è stato mai efficace con gli esterni alti, ma anche in questo caso ci sono delle attenuanti: Capellini è fuori ruolo e Russini aveva meno di una settimana piena di allenamenti nelle gambe. Da rivedere Collocolo, soprattutto a maglie più larghe.

Linea verde

Al netto dei rinforzi che arriveranno nell’ultima settimana di mercato (due difensori e un attaccante esterno di sicuro, ma servirebbe anche una mezzala), il Cesena ha cominciato la gara di Verona con cinque under: Satalino, Munari, Ciofi, Favale e Collocolo per un’età media alla palla al centro di 24.2 anni. Ma è ancora più clamoroso e pesante il dato di fine partita: Viali ha chiuso la gara del Gavagnin-Nocini con addirittura otto under (Satalino, Munari, Ciofi, Favale, Sala, Aurelio, Koffi e Nanni), di cui quattro debuttanti, per una media di 22.3 anni. Poco più di un under 21, insomma, che naturalmente ha bisogno di un po’ di pazienza.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui