Calcio C, il Cesena sta crescendo attraverso la continuità

Crescita, continuità, step. Sono le parole che ormai da un mese si ripetono nelle dichiarazioni di William Viali, che intanto si gode il quinto risultato utile consecutivo, la serie positiva più lunga da quando guida il Cesena. Nel girone B solo il Perugia sta facendo meglio, senza sconfitte da 9 gare. Seguono in seconda posizione, oltre al Cesena (che non perde dall’ottavo turno contro il Padova), Sudtirol, Gubbio e Sambenedettese. Il processo di maturità della squadra di Viali, che dopo lo 0-0 con il Modena rimane agganciata alla zona play-off, è testimoniato anche dal fatto che i bianconeri sono riusciti a fare punti contro un avversario che li precede in classifica. Finora si era verificato solo una volta , alla 3ª giornata quando al Curi il Cesena sconfisse il Perugia che lo sopravanzava di tre punti. Per il resto i romagnoli avevano conquistato punti prevalentemente contro le squadre di bassa classifica.

Prima senza Petermann

Contro il Modena ha fatto il suo debutto da titolare Giacomo Zecca il quale, con la maglia del Cesena, non partiva dal primo minuto da quasi un anno, dal gennaio scorso contro il Carpi quando poi fu sostituito nell’intervallo. Dei 24 elementi finora mandati in campo da Viali gli unici due che non sono mai stati schierati nell’undici titolare rimangono Nicola Nanni e Francesco Campagna. Esce invece dall’elenco dei “sempre utilizzati” Davide Petermann che domenica è rimasto in panchina per tutta la gara. Sempre presenti sono quindi rimasti in tre: Andrea Ciofi, Mattia Bortolussi e Simone Russini. I primi due sono anche i soli sempre titolari.

Reti bianche

Il pareggio a reti bianche nel derby è stato il primo stagionale per il Cesena e il primo anche con Viali, compreso il campionato scorso. L’ultimo 0-0 risale, infatti, ad oltre un anno fa, quando in panchina c’era Francesco Modesto. Anche allora, era il 9 novembre 2019, si giocava al Manuzzi un derby emiliano-romagnolo, quello contro la Reggio Audace. Curiosamente pure in quell’occasione in campo c’erano una squadra in maglia granata (per la precisione a strisce granata-blu) e una bianca, ma a ruoli invertiti tra padroni di casa e ospiti.

Cesena in granata

Domenica pomeriggio contro il Modena (in completa tenuta bianca) il Cesena ha sfoggiato la maglia celebrativa di colore granata, storicamente tra quelle utilizzate dai bianconeri in trasferta. Non è però una novità assoluta vedere il Cesena in granata anche in casa. L’ultimo precedente in una gara ufficiale risale al lontano 21 aprile 1974 contro il Cagliari di Gigi Riva che in quella stagione utilizzava una divisa bianca, ma che stranamente per la gara in programma alla Fiorita non disponeva in alternativa di quella rossoblu. Furono, quindi, i padroni di casa a dovere cambiare maglia. In altri casi il Cesena ha giocato in granata tra le mura amiche in epoca in cui, per dovere di ospitalità, erano i locali a rinunciare ai propri colori oppure in partite amichevoli. Tra le gare di campionato si ricordano quelle nel 1967-’78 contro i bianconeri dell’Ascoli, dello Spezia e della Massese. In amichevole contro Juventus (1964), Dinamo Kiev (1973) e Zaire (1974).

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui