Calcio C, focolaio ancora attivo: l’Asl isola il Cesena fino al 14

Il Dipartimento di Sanità Pubblica di Cesena dell’Asl Romagna ha inviato oggi al Cesena Fc un aggiornamento sulla presenza di un cluster di Covid-19 e misure di contenimento delle misure del contagio. Documento scaricabile qui sotto.

Come si può notare, per la Asl il focolaio in casa Cesena è ancora attivo (22 casi dal 28 gennaio al 6 febbraio considerando anche i due giocatori, uno è Alessandro Sala ora alla Pro Sesto e l’altro un ragazzo della Primavera aggregato, che sono stati ceduti nell’ultimo giorno di mercato) e quindi tiene tutto il gruppo squadra in sorveglianza attiva fino a domenica 14 febbraio. Come già sottolineato una settimana fa, anche oggi l’Asl raccomanda di “utilizzare in maniera non promiscua e collettiva spogliatoi, palestra e altri spazi comuni; privilegiare allenamenti individuali e non di gruppo; evitare l’esposizione comune e prolungata in mezzi di trasporto collettivo; non esporre a possibili fonti di contagio altri atleti e personale tecnico esterni alla squadra”. Come già accaduto una settimana fa, quindi, è praticamente certo che la Lega Pro, a cui il Cesena ha girato in giornata l’informativa dell’Asl, domani comunicherà il rinvio della partita tra Cesena e Gubbio, in calendario per sabato 13 alle ore 15.

Intanto questa mattina Ardizzone, Bortolussi, Russini e Viali si sono recati alla postazione del drive through dell’ospedale Bufalini di Cesena per effettuare il tampone di uscita: se l’esito, atteso per domattina, sarà negativo, i tre giocatori e il tecnico saranno dichiarati guariti. E subito in giornata i giocatori sosterranno le visite mediche per poter riottenere l’idoneità sportiva.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui