Calcio C, De Sarlo: “L’Imolese ha un bellissimo gruppo”

La vittoria che serviva per dare coraggio ad un gruppo giovane che, in mezzo ad un’estate tutt’altro che tranquilla a livello societario, è sempre stato sul pezzo e domenica ha raccolto i tre punti meritati per quanto fatto vedere sul campo. L’Imolese che si gode la vittoria con l’Alessandria è riuscita a cominciare con il piede giusto in casa come mai era capitato nel recente passato: il gol di Stijepovic su rigore ha consegnato alla truppa di Antonioli una vittoria che, come ha sottolineato il tecnico nel post-partita, servirà per dare ulteriore convinzione ad un gruppo che sembra già essere tutto sintonizzato sulle stesse frequenze.

Una squadra che è andata al di là delle tantissime assenze e che ha conquistato 3 punti che torneranno buoni sulla strada della salvezza, quello che era e resta l’unico obiettivo reale di un’Imolese che guarda con fiducia al futuro chiamata Lucca, ovvero lo stadio nel quale era cominciato questo 2022 con un pareggio grazie all’unica firma stagionale di Pasquale De Sarlo.

L’attaccante rossoblù per due volte domenica ha visto l’urlo del gol strozzato dalla bandierina alzata dell’assistente Iacovacci: «Non so se fossi realmente in fuorigioco – commenta il numero 9 rossoblù – in ogni caso, la mia prestazione è tutta frutto di quanto fa la squadra: siamo tutti compatti, siamo un bel gruppo e ci vogliamo tutti bene e questo ci ha aiutato moltissimo in una gara come quella di domenica. L’ambiente che ho ritrovato ad Imola, al di là delle persone che sono cambiate, è sempre quello di un anno fa: sono stato accolto al meglio dal gruppo fin dal primo giorno, abbiamo sofferto assieme per questa vittoria e lo faremo assieme per questa stagione per arrivare all’obiettivo. Inizialmente in estate avevo scelto di andare via da Imola per stare più vicino a casa, mi sono allenato con l’Aic Campania poi ho provato con la Gelbison, ma non si è trovato l’accordo per cui, avendo altri due anni di contratto con l’Imolese, sono tornato. Cosa mi lascia l’anno scorso? Una maggiore maturità e consapevolezza dentro e fuori dal campo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui