Calcio C, Cesena, nuovo esame: reagire all’assenza di De Rose

Calderoni, Ciofi, De Rose e un pallone. Nelle prime 13 giornate di campionato, in rigoroso ordine alfabetico, ecco cosa non è mai mancato dall’inizio nelle partite disputate dal Cesena. Dalla Carrarese alla Virtus Entella, in questi primi tre mesi Toscano ha sempre schierato dal primo minuto solo tre giocatori: il mancino di Latisana, il difensore romano e il fidato centrocampista calabrese, voluto fortemente durante l’estate dopo la fine del matrimonio con il Palermo. Per colpa del quinto giallo stagionale rimediato lunedì sera a Chiavari, contro l’Ancona mancherà per la prima volta proprio De Rose, uno dei tre “titolarissimi” del Cesena 2022-2023 nonché uomo-chiave negli ingranaggi del centrocampo del Cavalluccio.

Minutaggio

Il trentacinquenne prenderà posto in tribuna dopo aver giocato 1.095 minuti sui 1.170 complessivi (recuperi esclusi): sempre titolare dalla prima giornata ad oggi, De Rose ha saltato solo 14 minuti contro la Torres, il secondo tempo di Fermo e 16 minuti contro il Fiorenzuola, ai quali andrebbero aggiunti anche gli spiccioli finali (tre minuti di recupero) contro il Gubbio, quando uscì al 91’ per la meritata standing ovation. Complessivamente il numero 20 del Cesena ha saltato appena 75 minuti, cioè meno dei 90 che perderà domenica contro l’Ancona. Ma De Rose non è il calciatore più utilizzato da Toscano dopo 13 giornate. Il primato spetta sorprendentemente a Marco Calderoni, il vero stacanovista della Romagna bianconera, in campo 1.134 minuti: l’ex Lecce, sempre titolare dalla prima giornata a oggi, ha saltato solo i 17 minuti finali contro l’Imolese e i 19 minuti finali a Montevarchi, curiosamente in due gare morte e sepolte con il Cesena avanti rispettivamente 4-0 e 0-3. Tra il primo posto di Calderoni e il terzo posto di De Rose si inserisce Andrea Ciofi, che per ora ha fatto cifra tonda: 1.100 minuti. Il vice capitano bianconero, proprio come Calderoni, è stato sostituito due volte: nell’intervallo a Fermo e al 65’ di Cesena-Recanatese, perdendo 70 minuti in 13 giornate.

Alternative

Sottolineato che su Ciofi, da lunedì, pende la spada di Damocle della diffida (al prossimo giallo verrà squalificato per una giornata), domenica contro l’Ancona servirà un sostituto di De Rose: tutti gli indizi portano a Bianchi, rientrato a Chiavari dopo l’infortunio subìto a Montevarchi e pronto per riprendersi una maglia da titolare (e la fascia di capitano) al fianco di Saber. La prima alternativa risponde al nome di Bumbu, che però non è mai stato schierato dal primo minuto da Toscano. Saranno titolari per la quattordicesima volta consecutiva, invece, Ciofi e Calderoni: il primo, assieme a Prestia, dovrà guidare una difesa improvvisamente “corta”, nella quale troverà quasi certamente spazio anche… il secondo. Con l’indisponibilità di Celiento e Coccolo e con la squalifica di Mercadante, infatti, il Cesena dovrebbe ripartire dall’assetto visto nei 35 minuti finali a Chiavari, con Calderoni “abbassato” in difesa e Adamo quarto di centrocampo sulla fascia sinistra. Sarà la prima volta dal primo minuto in quella fetta di campo per il numero 27, che però si è spesso adattato a partita in corso nel ruolo di braccetto, giocando eccellenti spezzoni contro Reggiana, Fiorenzuola e appunto Virtus Entella.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui