Calcio C, Cesena nei primi tre posti dalla settima giornata

Un’ottima giornata sarebbe stata perfetta se all’ultimo minuto di recupero di Cesena-Entella, Zecca non avesse scarabocchiato un assist per Pittarello per il probabile 2-0 che avrebbe consentito ai bianconeri di “pareggiare” il 3-1 dei liguri all’andata e di essere di fatti davanti nello scontro diretto, in virtù di una differenza reti complessiva che sarebbe stata migliore. Oggi, infatti, l’Entella è a +21 e il Cesena a +20, ma se fosse finita 2-0 i numeri sarebbero stati esattamente invertiti (20 e 21).

La vittoria di domenica vale, comunque, il primo posto in un’eventuale classifica avulsa a tre: Cesena (6), Virtus Entella (5) e Pescara (5). La squadra di Viali è in vantaggio anche in caso di arrivo alla pari con i soli abruzzesi: doppio 1-0 ma differenza reti al momento nettamente favorevole ai romagnoli (+20 contro +12).

Terzo posto

In ogni caso, in casa bianconera si auspica di non doversi cimentarsi in questi calcoli al termine della stagione regolare, potendo contare su un discreto vantaggio in classifica nei confronti delle due inseguitrici, rispettivamente +4 e +5 punti. Un vantaggio che, dopo 15 giornate (Cesena-Fermana 4-0), era arrivato anche a 9 lunghezze, sulla stessa Entella e sul Siena, e che tra alti e bassi, ha consentito al Cavalluccio di non scendere mai sotto il 3° posto a partire dalla 7ª giornata. In questo lasso di tempo il Cesena ha occupato anche la seconda posizione alle spalle della Reggiana, dalla 11ª alla 13ª giornata, mentre alla 25ª (dopo il ko di Modena) era stato agganciato al 3° posto dal Pescara.

Classifica cristallizzata

Dalla settimana seguente ad oggi, la classifica del girone B si è cristallizzata nei primi cinque posti occupati, nell’ordine, da Modena, Reggiana, Cesena, Entella e Pescara, con l’unica minima variazione rappresentata da liguri e abruzzesi che, inizialmente a braccetto, si sono poi alternativi in quarta e quinta posizione. A tre giornate dal termine, la composizione del quintetto di testa potrebbe essere modificata solo teoricamente, considerato che Ancona e Gubbio accusano un ritardo di 8 punti, quasi impossibile da colmare.

Zona play-off

Estendendo il bilancio all’interno campionato, sebbene i primi turni siano poco significativi, i romagnoli sono sempre stati in zona play-off, toccando l’apice alla 5ª giornata (dopo il blitz di Olbia) con la vetta della classifica in coabitazione con Reggiana e Pescara. Il punto “più basso” è stato dopo lo 0-0 con il Gubbio al debutto, quando “davanti” avanti avevano sei squadre.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui