Calcio C: Cesena, la regolarità vincente per puntare in alto

C’era una volta il Cesena di Pierpaolo Bisoli, che nell’anno di grazia 2009-2010 aveva un pregio: rispondeva sempre a una sconfitta con una vittoria. E non a caso, alla fine della stagione, festeggiò la promozione. Oggi c’è il Cesena di William Viali, che proprio come allora non ha l’obbligo di vincere il campionato, ma che ha piantato con convinzione (e merito) le tende nelle zone nobili della classifica e giustamente oggi ragiona sul breve/medio termine, provando ad alimentare una tendenza che, dopo 13 giornate, sta facendo la differenza: la distribuzione delle vittorie. Guardando il rendimento delle 60 squadre di C, il Cavalluccio detiene un record molto interessante, che aiuta a spiegare la classifica e una continuità che è la benzina per mantenersi così in alto: il Cesena è l’unica squadra di Lega Pro a non essere mai rimasta a secco di vittorie per più di una partita. Più regolare di così…

Girone B

Neppure l’imbattuta capolista Reggiana, che ospiterà Bortolussi e soci domenica pomeriggio al Mapei Stadium, è riuscita a tenere il passo dei bianconeri in questo senso: dopo aver inaugurato il campionato battendo il Montevarchi, gli emiliani sono rimasti a digiuno di successi tra la seconda e la terza giornata, pareggiando con Modena (1-1) e Gubbio (0-0). E’ vero che la Regia non ha mai perso e che successivamente sono arrivate cinque vittorie consecutive, ma la “macchia” (per la verità minuscola) rimane. Dal canto suo, il Cesena non è mai riuscito a vincere più di due partite consecutive, ma ha distribuito i propri successi in modo quasi sistematico, riuscendo sempre a strappare i tre punti dopo un pareggio o una sconfitta. Tra il doppio 0-0 casalingo di inizio anno con Gubbio e Imolese è arrivato il blitz di Lucca, poi la Romagna bianconera ha espugnato Viterbo. Dopo la sconfitta contro il Modena, invece, il Cesena ha banchettato a Grosseto, mentre gli ultimi due casi sono più recenti: 2-1 al Pontedera dopo il pari di Pesaro e infine 1-0 al Pescara dopo lo 0-0 contro la Pistoiese. Cancellare un pari o una sconfitta con una vittoria è la miglior medicina possibile per muovere regolarmente la classifica in modo poderoso.

Le altre big

L’invalicabile SudTirol, capolista del girone A, si è comportato come la Reggiana: è primo, non prende mai gol e non perde praticamente mai, però tra 8ª e 9ª giornata ha pareggiato due volte (doppio 0-0) con Giana Erminio e Pro Patria, restando senza una vittoria per 180’. Peggio ha fatto la corazzata Padova, per due volte senza successi per due gare consecutive, mentre Feralpi e Renate hanno “imitato” la capolista tra 3ª e 4ª giornata (i Leoni del Garda) e 1ª e 2ª giornata (i nerazzurri). Nel girone C, il Bari (che ha conquistato un punto in meno del Cesena) è stato senza vincere per due gare consecutive qualche settimana fa contro Foggia (1-1) e Virtus Francavilla (0-3).

Per chiarire meglio l’entità dell’infortunio che lo ha obbligato ad uscire anzitempo contro il Pescara (e per non correre alcun rischio sui tempi di recupero), oggi Andrea Ciofi si sottoporrà a nuovi esami più approfonditi al flessore della gamba destra, che ieri dava ancora fastidio al difensore bianconero. Indipendentemente dall’esito della risonanza magnetica in programma oggi, Ciofi non sarà comunque a disposizione di Viali per il big-match contro la Reggiana, che proprio ieri ha invece tesserato l’esperto Michele Cremonesi per ovviare agli infortuni di Laezza e capitan Rozzio in difesa. La buona notizia per il Cesena riguarda invece Michele Nardi: l’estremo difensore ha smaltito il virus intestinale che lo aveva obbligato a saltare il posticipo contro il Pescara e nel pomeriggio si è regolarmente allenato assieme ai compagni a Villa Silvia, dove invece era assente il suo secondo Benedettini, che ha risposto alla chiamata della Nazionale sammarinese. La seduta ha visto i bianconeri allenarsi sulla rapidità attraverso una serie di partitelle a tema prima di una partita finale su campo ridotto. Ancora a parte ha lavorato Brambilla, mentre Nannelli si è allenato in palestra. Oggi è in programma un’altra seduta nel pomeriggio. In vista del big-match di domenica, intanto, sono già stati venduti 468 biglietti per il settore ospiti. L.A.M.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui