Calcio C, Cesena: il piano B è l’aumento di capitale

Lo studio legale Tonucci & Partners si è giocato l’esclusiva: gli investitori americani rappresentati dall’avvocato Gianluca Cambareri avrebbero dovuto produrre o un’offerta da un milione e duecentomila euro o un dettagliato progetto triennale entro il 1° settembre. Ma i soldi non si sono mossi dai loro conti e l’esclusiva è saltata. Per quale motivo? A saperlo sono in pochi e quei pochi non lo dicono.

Ciò che filtra dalle stanze del comando del Cesena è che, dopo un primo messaggio inviato lunedì quando iniziavano ad esserci i primi dubbi (riallacciare subito i contatti con l’altro studio legale che aveva fatto manifestazione d’interesse), tra mercoledì sera e ieri mattina sia arrivato un suggerimento per la base. Organizzarsi per sostenere un aumento di capitale da un milione, un milione e duecentomila euro (la prossima assemblea dei soci dovrebbe esserci tra poco più di un mese e lo statuto verrà cambiato per togliere il vincolo delle quote paritarie) per rinforzare gli argini, arrivare sereni al termine della stagione e attendere senza la frenesia degli ultimi mesi che qualcun altro si faccia avanti con buone intenzioni.

Quanti saranno però i soci, tra gli attuali 28, in grado di sostenere un aumento di capitale. Sicuramente non tutti, anche perché uno di questi si è già tirato indietro al momento di versare i 25mila euro di quota annuale. Qualcuno potrebbe arrivare a mettere 50mila o anche 100mila euro, acquisendo in questo modo quote del club, ma l’obiettivo del milione, milione e duecentomila euro di aumento di capitale appare difficile da raggiungere.

È la seconda volta che l’approccio tra lo studio legale Tonucci & Partners e il Cesena Fc non porta ad un accordo. La prima è datata 2019. Mercoledì 25 settembre, studio di via Trieste a Padova. Tacopina è presidente del Venezia ma lo sta per cedere a Niederauer, il passaggio avverrà a febbraio, e sta già cercando un nuovo club da acquisire. E il Cesena gli interessa. Così quel mercoledì 25 settembre incontra i vertici del club bianconero, che quella sera è atteso dal Padova all’Euganeo, nello studio veneto di Tonucci & Partners. Seguirà un successivo incontro, quello in cui Tacopina si renderà conto che i soci del Cesena non hanno intenzione di cedere. Per qualcuno di loro ancora oggi è così.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui