Calcio C, Cesena-Gubbio, le pagelle dei bianconeri

NARDI 6.5 Serata da pali e patta e nella ripresa lo salvano i legni su Fantacci e Cittadino. Super sul sinistro a giro dell’ottimo Arena.
CANDELA 6 Si fida del suo sinistro come Draghi si fida di Conte, ovvero praticamente zero e quindi non crossa col piede debole. Un gran diagonale in corsa parato da Ghidotti è l’occasione più vera del primo tempo. Brutto avvio di ripresa a suon di scarabocchi in difesa, poi un gran cross per la testa di Adamoli.
MULÈ 6.5 Parte con un paio di cose rivedibili in appoggio, poi lievita alla grande e toglie un gol fatto ad Arena. Devia sul palo il tiro di Fantacci in una serata dove c’è tanto del suo fisicaccio nel primo punto del campionato.
CIOFI 6.5 Se Sarao è il tallone d’Achille del Gubbio, lui su un angolo basso di Adamoli prova lo schema “tallone da killer”, ma il suo assist di tacco muore nel vuoto. Pulito e sereno dietro.
ADAMOLI 6 Nel primo tempo spicca una pallaccia persa con un filo di supponenza in uno contro due, poi però è bravo a salvare su un Sarao che ieri è stata la quinta torre-faro del Manuzzi. Testa fuori di un niente al 66′ (dal 30′ st YABRÈ N.G. tanta energia).
ILARI 5.5 Più accentrato rispetto alla Coppa, non trova la sua mattonella in campo. Ideona per Bortolussi al 52′, poi poche tracce (dal 38′ st RIGONI N.G. un lancio sbagliato di 20 metri).
ARDIZZONE 5 Gioca falso dieci o quantomeno falso regista e non funziona. Partecipa all’affollato convegno dei giocatori del Cesena sul tema “mille modi di sprecare un calcio d’angolo”.
STEFFÈ 6 Ecco uno che cerca cose non banali, tipo una gran palla a Zecca senza fortuna. Prezioso ma giù di forma (dal 30′ st BRAMBILLA N.G. bene in copertura su Sarao, rivedibile sui calci d’angolo).
ZECCA 6 Quelle folate di vento in tribuna attorno alle 21 non era l’arrivo dell’autunno, ma le sue ripartenze. Oggi come oggi, è il giocatore più forte del Cesena, anche se nella ripresa lascia poche tracce.
TONIN 5 Difende palla ma gli altri lo spostano, tipico del ragazzo appena entrato nel campo dei grandi (dal 12′ st CATURANO 6 mezzora abbondante di voglia di darci dentro).
BORTOLUSSI 6 Vista da fuori, ha un gran bisogno che finisca il mercato, anche se all’89’ sfiora un eurogol che avrebbe rivitalizzato uno stadio triste e semi-vuoto. In generale ha abituato molto meglio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui