Calcio C, Cesena è la miglior terza e vuole esserlo fino alla fine

A tre giornate dalla fine del campionato, il Cesena non è solo la terza forza del girone B, una posizione consolidata domenica scorsa, ma anche la migliore terza d’Italia. Questo perché ieri pomeriggio il Monopoli, che alla palla al centro aveva 61 punti e che puntava a salire a 64, superando i 63 del Cesena, è stato battuto dal Taranto, guidato dall’ex bianconero Davide Di Gennaro. A 270’ dalla fine della regular season, insomma, ci sono due certezze: con due vittorie il Cavalluccio sarà matematicamente terzo nel girone B, indipendentemente dai risultati di Entella e Pescara, mentre con tre successi di fila (evento mai verificatosi quest’anno) diventerà la terza migliore dei tre gironi. La missione più importante e più alla portata resta la prima, perché permetterebbe di saltare i primi due turni a eliminazione diretta dei play-off, ma ora è doveroso verificare anche l’andamento delle concorrenti nei gironi A e C.

Il regolamento

Chiudere la stagione regolare con i galloni di “migliore terza” dei tre gironi garantisce un grosso vantaggio non solo al primo turno dei play-off nazionali, dove tutte le terze classificate saranno teste di serie indipendentemente dai punti conquistati, ma soprattutto negli eventuali quarti di finali, quando in gioco entreranno anche le tre seconde classificate. Come si legge nel regolamento, le gare del secondo turno della fase Play-off Nazionale “si articoleranno attraverso 4 incontri in gare di andata e ritorno, secondo accoppiamenti tra le 8 squadre qualificate che prevedranno, come teste di serie, le 4 squadre di seguito indicate: le 3 squadre classificate al secondo posto di ciascun girone nella regular season e la squadra che, tra le vincitrici del primo turno di Play-off Nazionale, risulterà meglio classificata”. Le altre 4 squadre saranno accoppiate alle 4 teste di serie (che disputeranno il ritorno in casa) mediante sorteggio. Le squadre che al termine degli incontri di andata e ritorno avranno ottenuto il maggior punteggio avranno accesso alle Final Four, con una precisazione: alle teste di serie basteranno due pareggi, perché in caso di doppia “x” non sono previsti supplementari e rigori (che entreranno in semifinale e in finale), ma varrà il miglior piazzamento nel corso della regular season. Resta un dubbio: come si calcola la migliore terza dei tre gironi? Il primo criterio riguarda i punti conquistati. Ma, in caso di parità di punti, varranno questi tre criteri: maggior numero di vittorie, maggior numero di reti realizzate e sorteggio.

Girone A

Al Nord ci sono due certezze: ai primi due posti chiuderanno SudTirol e Padova, anche se non necessariamente in quest’ordine, dato che prima di Pasqua è in programma lo scontro diretto che assegnerà promozione in B e secondo posto. L’altra certezza è che sarà una lotta a due anche per il terzo posto: al momento la FeralpiSalò (62) è davanti al Renate (61), ma anche in questo caso si deve ancora giocare lo scontro diretto, in programma al Turina all’ultima giornata. E questa è una buona notizia per il Cesena, perché le due squadre potrebbero mangiarsi qualche punto. Il calendario dei Leoni del Garda prima prevede Pro Patria e Piacenza, due squadre in lotta per i play-off, mentre quello del Renate prevede Juve U23 e Pergolettese. Particolare da non sottovalutare: entrambe hanno vinto 18 partite, una in più del Cesena (17).

Girone C

La matassa al Sud è più intricata, perché in ballo ci sono potenzialmente cinque squadre. Con il Bari già promosso, al momento il Catanzaro è secondo solo in virtù dello scontro diretto con l’Avellino (62 punti a testa). Il Monopoli ha 61 punti ed è quarto, mentre un gradino sotto (60) c’è il Palermo. E’ teoricamente ancora in gioco la Virtus Francavilla, sesta a quota 56 ma con una partita da recuperare contro la Turris. Il calendario dell’Avellino è tosto: Bari in trasferta, Vibonese in casa e Foggia fuori. Ancora più difficile quello del Palermo, che nel weekend andrà proprio a Monopoli, prima di chiudere con Catania e Bari. Sulla strada del Catanzaro di Alfio Pelliccioni ci sono Foggia, Campobasso e Vibonese, mentre è più “leggero” il percorso dell’altra ex squadra di Pelliccioni, cioè il Monopoli, che chiude con Latina e Fidelis Andria. Proprio i pugliesi, come Feralpi e Renate, hanno per ora vinto una gara in più del Cesena (18) pur avendo 2 punti in meno. Inutile dire che saranno gli scontri diretti i più grandi alleati del Cavalluccio, che resta comunque sempre più padrone del proprio destino.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui