Calcio C, Cesena al lavoro, ma mancano i rinforzi

Mentre sui tavoli di Pubblisole le manifestazioni di interesse per il Cesena continuano a fioccare, specie ora che l’assemblea dei soci ha dato il via libera per trattare la cessione di una parte o dell’intero pacchetto azionario, a pochi chilometri di distanza Villa Silvia ha riaperto ieri i battenti. Nonostante il centro sportivo intitolato al Conte Rognoni sia un vero e proprio cantiere (difficile credere che i lavori possano terminare entro agosto come inizialmente prospettato), da ieri mattina il Cesena di Viali ha iniziato a correre. Il programma prevede un allenamento oggi, due domani, uno sabato e uno domenica. Il menù dei primi giorni della prossima settimana sarà deciso nelle prossime ore: nel week-end, invece, ci sarà poi la partenza per il ritiro di Acquapartita.

Quanti giovani

Agli ordini di Viali ci sono tantissimi giovani e pochissimi giocatori della prima squadra: il portiere Nardi, i difensori Ciofi, Gonnelli e Ricci (Maddaloni sta svolgendo la rieducazione), i centrocampisti Ardizzone, Campagna, Munari e Steffè, gli attaccanti Bortolussi, Caturano e Zecca. I restanti quattordici sono nati tra il 2002 e il 2005.

Anche Candela nel mirino

Ma quando arriveranno i rinforzi? Da ieri il diesse Moreno Zebi ha quattro giocatori in mano con i quali vorrebbe mettersi al tavolo per chiudere già questa settimana. Il problema è che dalla società per ora non c’è ancora il via libera definitivo per le firme. I giocatori “bloccati” sono quattro perché di fatto ieri è stato raggiunto un accordo di massima con Antonio Candela, terzino destro classe 2000 di proprietà del Genoa, nell’ultima stagione alla Pergolettese. Candela, che ha fatto tutta la trafila delle nazionali giovanili e ha pure giocato il Mondiale Under 20 nel 2019 (quando gli azzurrini arrivarono quarti), vanta 7 presenze in Serie B nella stagione 2019-2020 a Trapani. Cresciuto nello Spezia, il 31 gennaio 2018 il terzino destro fu acquistato dal Genoa per 850mila euro. Oltre a Candela, il direttore sportivo Zebi conta di poter chiudere in settimana anche le altre trattative che ha in piedi da tempo. Su tutte, quella con l’esperto Carlo Ilari, mezzala con il vizio del gol reduce da 138 presenze e 18 gol con la maglia del Teramo: Ilari si è promesso al Cesena già da un mese, ma il suo “ultimatum” sta per scadere e se non firmerà entro la settimana è pronto ad accordarsi con il Sudtirol. Praticamente definite anche le trattative con i due under reduci dall’amara retrocessione con la Lucchese: il terzino sinistro Andrea Adamoli (proprietà Empoli) e l’attaccante esterno Giovanni Nannelli (in scadenza, seguito anche da Ascoli e Pordenone). In uscita, sembra essersi raffreddato l’interesse del Pordenone per Andrea Ciofi.

Ceduti altri due giovanissimi

Due settimane dopo aver ceduto a titolo definitivo il terzino classe 2004 Nicola Mandrelli al Sassuolo, il Cesena si priva di altri due talenti del proprio settore giovanile. Addirittura ancora più giovani: i 2007 Matteo Lontani e Gabriele Toni, che avevano firmato il vincolo con il club bianconero alla fine della scorsa stagione. Lontani, mezzala fisica e tecnica, è stato ceduto per 40mila euro alla Juventus: il passaggio, nell’aria da mesi, è avvenuto martedì, quando il ragazzo e i suoi genitori sono saliti a Vinovo per le firme. Toni, attaccante con il grande fiuto del gol, è stato invece ceduto al Bologna: il Cesena lo ha scambiato con Alex Brigliadori, attaccante classe 2004 di San Pietro in Vincoli che già nell’ultima stagione aveva vestito la maglia bianconera dell’Under 17 (era in prestito). Lascia il Cesena un altro classe 2007: il difensore Wisdom Omokaro ha infatti deciso di non firmare il vincolo e andrà altrove. Lo vogliono la Juventus e il Bologna, ma probabilmente finirà in Emilia. Cosa che non sarebbe mai avvenuta se anziché in C il Cesena fosse stato anche solo un gradino più su.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui