Calcio, bocciata la proposta della Lega Pro: la Serie C non si spacchetta in sei gironi da 10 e resta così com’è

Fino al mezzogiorno di oggi, l’approvazione della proposta del presidente Francesco Ghirelli sul futuro format della Serie C sembrava scontata. E invece a Fiumicino è andata in scena la rivolta di gran parte dei club di C, che hanno bocciato Ghirelli e la sua proposta. Dunque si andrà avanti con tre gironi da 20 squadre e non i 6 gironi da 10 e con il complesso meccanismo di Poule Promozione, Poule Retrocessione, Play-off e Play-off ideato dalla Lega Pro.

Questo il comunicato della Lega Pro: “Si è svolta oggi l’Assemblea straordinaria dei club di Lega Pro. All’ordine del giorno c’era la votazione dei club per approvare la modifica del format del campionato di serie C. La proposta non è stata approvata con 34 voti favorevoli, 24 voti contrari e 1 scheda nulla. Durante l’assemblea i club hanno discusso ed approvato all’unanimità le proposte presentate relative alla riforma dei campionati, il progetto sviluppo dei settori giovanili e il progetto sulle seconde squadre”.

Il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli si è limitato ad un brevissimo commento: “Va preso atto del voto, senza se e senza ma, la proposta è stata respinta. Nessun commento da parte mia, solo la presa d’atto come è doveroso nel gioco democratico”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui