Calcio B donne, Pignagnoli mamma volante: ha parato due rigori

La sua storia ha fatto parlare per mesi, quando il Cesena decise di allungarle il contratto alla notizia della sua immimente maternità. E ora che ha ripreso a giocare, ci sono momenti della vita in cui ci si sente come dentro una bolla, che anche gli occhi esterni vedono e giudicano perfetta. Ecco, dentro una bolla perfetta c’è Alice Pignagnoli, portiere del Cesena femminile, che domenica si è presa il lusso di parare due rigori in casa del Vicenza dentro una partita vinta dalle bianconere per 1-0. La sua storia di mamma-giocatrice ha fatto il giro d’Italia, ma che anche la sua carriera sportiva dopo la maternità continui a gonfie vele è il segnale più bello che Alice potesse lanciare.

«Sto vivendo un momento speciale e la cosa importante è che questo momento si sta prolungando nel tempo – racconta Alice tra una risata e l’altra – il merito è tutto di chi mi sta vicino, da mio marito che svolge una parte importante, fino a tutti i professionisti a cui mi sono affidata: nutrizionista, preparatore atletico e mental coach. Al centro chiaramente c’è mia figlia Eva (che ora ha 9 mesi, ndr) che tutti i giorni mi dà una grandissima forza. Le prestazioni in campo stanno ripagando una lunga serie di sacrifici, compreso quello dei lunghi viaggi quotidiani in treno da Reggio Emilia a Cesena e ritorno».

Un momento positivo che non si ferma al suo portiere, ma che coinvolge tutto il Cavalluccio, 3° in classifica anche se la zona promozione è distante. «Nonostante i tantissimi problemi fisici che abbiamo avuto in questi mesi stiamo facendo un campionato in linea con le aspettative del club. Lazio e Pomigliano, come da pronostico, sono scappate via e hanno in pugno la promozione. Noi però non dobbiamo smettere di fare punti, pronte a sfruttare ogni possibile occasione e soprattutto desiderose di chiudere al terzo posto».

Con la fine del campionato alle porte è tempo di iniziare a pensare al futuro. Ma ancora Alice e il Cesena non hanno iniziato a parlare del prolungamento del contratto: «E’ presto per fare questo tipo di discorsi. Credo sin qui di aver risposto presente sul campo con prestazioni di livello. Alla fine si faranno le giuste considerazioni: in me c’è la consapevolezza che Cesena rimarrà sempre al primo posto per quanto avvenuto lo scorso anno quando sono rimasta incinta. Qui ho trovato una società che crede prima di tutto nel valore delle persone e che ti spinge a dare il 100 per cento. Il fatto che la mia storia sia stata ripresa in tutta Italia ha fatto sì che qualcuno si sia fatto avanti con il mio procuratore, ma ancora nulla è stato deciso».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui