Nonostante non sia stata accertata l’incompatibilità col suo ruolo di presidente del Cer, il sindaco di Brisighella Massimiliano Pederzoli ha scelto di non rappresentare l’Amministrazione nella giunta dell’Unione della Romagna Faentina; al suo posto a rappresentare il Comune sarà la vice Marta Farolfi

Una decisione, quella del primo cittadino del borgo collinare, che dirime ogni possibile dubbio sulla compatibilità o meno del suo incarico. Dubbio emerso dopo che nei mesi scorsi la segreteria generale dell’Unione della Romagna Faentina aveva sollevato una possibile incompatibilità del sindaco a far parte della Giunta dell’Urf derivante dall’incarico alla guida del Canale Emiliano Romagnolo con la natura dell’Urf, ente con oltre 15.000 abitanti. “L’Anac, ovvero l’Autorità Nazionale Anticorruzione, interpellata sull’argomento ha trasmesso un parere preventivo sulla possibile, ma non accertata incompatibilità di Pederzoli, mentre è stata confermata la legittimità dello stesso a sindaco di Brisighella – si legge in una nota -. Pederzoli, pur sottolineando che la presidenza del Canale Emiliano Romagnolo, non prevede l’esercizio di poteri gestionali e pertanto non appare avere le caratteristiche per raffigurare una sorta di incompatibilità, ha deciso per correttezza e sensibilità istituzionale di sospendere il proprio ruolo quale rappresentante del Comune di Brisighella nella Giunta dell’Unione della Romagna Faentina”.

Argomenti:

brisighella

sindaco

unione romagna faentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *