Botticelli, la marchesa di Modigliana, il nobile e il magnate

Un magnate russo ha acquistato a un’asta di Sotheby’s a New York un quadro del Botticelli, “Ritratto di giovane con medaglione”, per la somma stratosferica di 92 milioni di dollari, appartenuto a una giovane donna di origine modiglianese. Un legame con la Romagna esiste, seppur lontano nel tempo, e per trovarlo bisogna allacciarsi all’ormai antica storia del “Baratto di Modigliana”, secondo la quale nell’aprile del 1773 il figlio neonato di Lorenzo Chiappini – guardia carceraria del comune romagnolo, allora ancora facente parte del territorio del Granducato di Toscana – venne da lui scambiato alla nascita per denaro con una neonata partorita da una nobildonna francese presente in quei giorni a Modigliana col marito. Le successive vicende videro quella che era ritenuta figlia del Chiappini, Maria Stella, andare in sposa, tredicenne, al cinquantenne barone Thomas Wynn, Lord di Newborough, trasferendosi poi nel grande castello di Glynllifon nel Galles dove condusse vita da gran signora, accolta negli ambienti dell’alta nobiltà britannica come “Marchesina di Modigliana”.

Il primo legame fra il “Baratto” e il quadro del Botticelli risale alle nozze fra Lord Newborough e Maria Stella, quando il barone gallese per ingraziarsi la fanciulla, acquistò quel dipinto a Firenze e gliene fece dono. La realtà è quindi che quell’opera d’arte, oggi valutata 92 milioni di dollari, era di proprietà di Maria Stella, modiglianese di nascita a prescindere dall’identità dei genitori. Ma gli studiosi del “Baratto” avanzano anche un secondo collegamento. Morto Lord Newborough nel 1807, Maria Stella si risposò tre anni dopo col barone russo Edward von Ungern Sternbergh, nipote del primo ministro dello Zar e si trasferì per un certo periodo a San Pietroburgo dove fu accolta a corte. Detto questo, sorge spontanea una domanda: perché il magnate russo avrebbe aggiunto ben 12 milioni di dollari alla quotazione di 80 milioni fissata come base d’asta, per un quadro il cui vero autore è stato a lungo messo in dubbio dagli esperti d’arte? Forse voleva quell’opera proprio perché appartenuta a Maria Stella? Aggiungiamo un’altra curiosità che lega la Romagna a questa costosissima asta di New York: il ricchissimo “suddito” di Putin non si è limitato all’acquisto del “Ritratto di giovane con medaglione”: ha speso un altro milione per aggiudicarsi un pannello di un cassone nuziale del XV secolo, attribuito a un pittore fiorentino conosciuto come “Maestro di Marradi”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui