Basta aprire un qualsiasi quotidiano per incappare in notizie che confermano il grande successo delle borracce. Borracce in plastica, borracce in alluminio, borracce in acciaio, borracce termiche personalizzate con i più diversi loghi e colori: sono ormai ovunque, e il loro numero continua  a crescere.
Ed è un bene, senza ombra di dubbio, in quanto al crescere di questi contenitori diminuisce l’utilizzo delle inquinanti bottiglie di plastica usa e getta. Il 29 ottobre AdnKronos riporta la notizia della donazione, da parte dall’Area Marina Protetta “Isole Egadi” e dal Comune di Favignana, di un carico di borracce di acciaio a 11 classi dell’arcipelago, da usare ovviamente in sostituzione delle bottigliette monouso.
E ancora, il giorno seguente il quotidiano Terlizzi Viva racconta della vendita di oltre 200 borracce di alluminio dell’iniziativa “Terlizzi Plastic Free”, sull’onda della distribuzione gratuita di borracce nelle scuole dell’obbligo di Bari, di Trani, di Bisceglie e di Bitetto. Ma le scuole che hanno provveduto a distribuire una borraccia termica personalizzata ad alunno sono tantissime: sono infatti più di 250 le scuole, le università, le associazioni e le piccole aziende che hanno aderito di buon grado alla Campagna #Plasticfree del Ministero dell’Ambiente, mettendo quindi formalmente al bando la plastica usa e getta. Sì, perché le borracce riutilizzabili sono una delle più grandi alleate della lotta all’inquinamento causato dalla plastica.

Borracce personalizzate contro l’inquinamento da plastica

Scuole, università, associazioni e aziende stanno distribuendo migliaia di borracce personalizzate, tra i gadget in assoluto più apprezzati degli ultimi anni. Il motivo principale, come anticipato, è costituito dalla lotta alla plastica. Basti pensare che, se nel 1964 venivano prodotte annualmente 15 milioni di tonnellate di plastica, attualmente siamo arrivati oltre quota 310 tonnellate. Il problema è che ogni singolo grammo di plastica prodotta dall’uomo è ancora sulla Terra, in gran parte sotto forma di rifiuto. E ormai si trova davvero ovunque: per farsi un’idea della pervasività di questo materiale inquinante, è bene sapere che sull’isola di Henderson, remota e completamente disabitata nell’Oceano Pacifico meridionale, si stima la presenza di ben 17,6 tonnellate di rifiuti plastici. La situazione ambientale è dunque drammatica: senza cambiamenti concreti, si stima che nel 2025 nei mari ci sarà una tonnellata di plastica ogni 3 tonnellate di pesci; nel 2050, invece, negli oceani ci saranno più rifiuti plastici che pesci. É assolutamente necessario, quindi, fare qualcosa per diminuire la produzione e lo spreco di plastica, a partire dall’eliminazione di uno degli oggetti di plastica più insensati: le bottiglie usa e getta. Con delle borracce è infatti possibile avere sempre con sé dell’acqua fresca, senza inquinare e senza spendere. E questo è solo il primo – e il più importante – dei grandi vantaggi assicurati dalle borracce personalizzate come gadget promozionali.

Borracce come regali aziendali: ecco perché

Come è noto, per essere efficace, un articolo promozionale deve essere utile: un gadget personalizzato che non viene mai utilizzato è uno spreco di risorse e di soldi. Con le borracce personalizzate si va invece sul sicuro: a lavoro, in palestra, in viaggio, durante un’escursione, abbiamo sempre bisogno di idratarci, e anzi, una borraccia ci ricorda di bere i canonici 2 litri d’acqua al giorno. Regalare una borraccia personalizzata ai propri clienti, quindi, significa dimostrare di avere a cuore non solo la loro salute, ma anche quella dell’ambiente. E non è tutto qui, in quando le borracce personalizzate sono un ottimo gadget anche per la loro durata, per la loro generosa area di stampa e per l’alta personalizzazione possibile. Insomma, se si è alla ricerca di un gadget aziendale in grado di far risplendere l’immagine aziendale sotto molteplici aspetti, la borraccia personalizzata è sicuramente la soluzione perfetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *