Bonaccini: “Profughi, no alle tendopoli in Emilia-Romagna” VIDEO

Sull’accoglienza dei profughi ucraini in Emilia-Romagna “faremo tutto quello che serve, ma occorre che il Governo metta mano a un po’ di giusti incentivi per creare una rete di solidarietà che sia la migliore possibile. Vorremmo evitare le tendopoli: siamo pronti alla bisogna, se c’è un’emergenza improvvisa, ma vorremmo sviluppare un sistema di accoglienza e di integrazione vero”. Lo evidenzia il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, parlandone oggi a margine del congresso della Cisl a Bologna. Continua Bonaccini: “Ho riunito il coordinamento dei lavori dell’accoglienza anche oggi alle 18, per la terza volta in una settimana, con i prefetti, che ringrazio per il grande lavoro che stanno facendo, con i sindaci dei Comuni capoluogo e con i presidenti di Provincia. Stiamo cercando di fare le cose al meglio, insieme con la Protezione civile. Alle 15 di oggi- aggiunge il presidente della Regione- parteciperò personalmente alla Conferenza delle Regioni, con il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio: credo che il Governo debba mettere risorse per le famiglie che accolgono”.

Rimarca Bonaccini citando il caso del capoluogo regionale: “Seguo quello che hanno detto ad esempio il prefetto e il sindaco di Bologna: stiamo facendo il massimo qui, impegnati a garantire l’accoglienza di fronte agli arrivi, in gran parte di donne e minorenni. Cercheremo anche di integrare nelle scuole, ma servono pedagogisti e interpreti. Bisognerà accompagnare tutte le persone accolte anche in chiave occupazione, come accaduto in provincia di Rimini nel settore turistico”

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui