«La birra artigianale non è una moda. Ha trovato una propria via, che evolve»

RIMINI. Eugenio Signorini cura per Slow Food editore la Guida Birre d’Italia, in questi giorni è anche lui a Beer&Food Attraction a Rimini. In linea con la filosofia dell’associazione della chiocciola il suo campo è quello delle produzioni artigianali, ma ama definirsi un «non talebano». Quel conta è sapere cosa si beve, e perché il consumatore sia consapevole qualcuno lo deve informare. Anche nel corso del 2018 si è assisto allo sviluppo del comparto delle birre artigianali legato ai microbirrifici, che coinvolgono soprattutto i giovani. Attualmente si stima (fonte Assobirra e Unionbirrai) che in Italia operino 1008 strutture per una produzione di 504mila ettolitri, in crescita del 4,3% sul 2017. Si tratta di 768 birrifici artigianali e 240 brew pub, ossia pub con produzione di birra in loco. La loro quota di mercato è pari al 3,1%.

Partiamo dal fatto che la birra artigianale ha dimostrato di non essere solo una moda.

«Non è una moda. La cosa interessante è che è un movimento nato dal nulla nel 1995 e che è cresciuto costantemente. Sono aumentati anche i consumi, anche se restiamo uno degli ultimi paesi per questo in Europa. Da anni dunque si aspettava un calo che però non c’è stato. Magari il ritmo è rallentato rispetto all’exploit iniziale, ma i piccoli birrifici continuano ad aprire e produrre».

Qual è la peculiarità della produzione di birra artigianale italiana?

«La cosa interessante è che la birra italiana ha cercato una propria via. All’inizio si puntava a un’impronta identitaria, ma si finiva per replicare stili internazionali. Oggi la maggior parte dei birrifici ha una propria identità e soprattutto ha intrapreso la via dell’equilibrio. Il lavoro interessante che hanno fatto i birrifici artigianali, poi, è stato quello di utilizzare materie prime locali non in maniera fine a se stessa, ma per portare un vero cambiamento nelle dinamiche agricole del proprio territorio. Oggi sempre più birrifici cercano di produrre il proprio malto, o anche il luppolo. Penso anche a esempi emiliano romagnoli come l’Italian hops company del modenese Eugenio Pellicciari, il primo a compiere una ricerca sui luppoli italiani e a lavorare per rispondere a un mercato ampio e non solo locale. È una prospettiva nuova, un concreto investimento sui territori, strutturato e ragionato».

A livello di stili, quai sono le tendenze della produzione?

«L’orientamento che si vede negli ultimi anni è quello di proporre un volume alcolico sempre più basso, 3,5/4 gradi, e dopo un lungo periodo in cui sembrava che fosse indispensabile stupire con birre strane a tutti i costi, c’è un ritorno alla semplicità e alla piacevolezza come valore. La cosa va incontro anche al consumatore che è più curioso a livello diffuso, magari non è nemmeno un consumatore abituale, ma sempre più spesso è alla ricerca di qualcosa di nuovo e diverso che non sia la birra da scaffale del supermercato».

Oggi molti consumatori hanno accresciuto la propria consapevolezza, vale anche sul fronte birra? A che punto siamo?

«Il prodotto birra artigianale ha ancora bisogno di essere spiegato. In un mondo produttivo che è andato complicandosi, anche pervia di alcuni grandi marchi che strizzando l’occhio all’aggettivo artigianale hanno cerato confusione. La nostra normativa non permette mezze vie: la birra o è artigianale, non pastorizzata, o è industriale. Oggi non c’è bisogno di fare la rivoluzione, ma di consolidare qualità e sostenibilità economica e ambientale. Quel 3% di consumatori di birra artigianale può aumentare e ciò è possibile attraverso la consapevolezza di quello che si beve, poi ciascuno sceglie quello che preferisce».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui