Bimba morì dopo una diagnosi errata: la dottoressa rischia il processo

CATTOLICA. Rischia di essere processata con l’accusa di omicidio colposo la dottoressa trentunenne che nel luglio 2017 omise, secondo l’accusa, di diagnosticare la peritonite a una bambina di cinque anni, Teresa, morta meno di quarantotto ore dopo per le conseguenze di una setticemia da “appendice retrocecale”. La procura di Rimini ha chiesto infatti il rinvio a giudizio della giovane professionista, all’epoca in servizio notturno al pronto soccorso dell’ospedale di Cattolica (era il suo primo incarico): l’udienza preliminare è stata fissata per il prossimo 16 luglio.

L’articolo sull’edizione di oggi del Corriere Romagna.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui