Biennale teatro ragazzi a Forlì dal 28 giugno all’1 luglio

Una finestra spalancata sul mondo: la 12ª edizione di Colpi di scena, rassegna che il centro di produzione Accademia Perduta/Romagna Teatri dedica dal 1995 agli operatori e alle nuove produzioni di teatro ragazzi, diventa internazionale. Grazie alla nuova partnership con Ater Fondazione, la “Biennale di teatro contemporaneo per ragazzi e giovani 2022” accoglierà infatti rappresentanti di festival e teatri esteri, oltre a compagnie dalla Svizzera e dai Paesi Bassi.

«Questa collaborazione – chiarisce la presidente di Ater, Patrizia Ghedini – è una scelta strategica anche rispetto ai nostri obiettivi di promuovere all’estero lo spettacolo dal vivo rivolto alle giovani generazioni, obiettivi garantiti dalla presenza a Forlì dal 28 giugno al 1° luglio di tanti direttori e produttori stranieri, che agevolerà conoscenza reciproca e circuitazione delle informazioni».

Per la conferenza stampa di presentazione è stato scelto un luogo emblematico come la “Fiera del libro per ragazzi” di Bologna «un luogo immaginato – afferma Ghedini – come ponte ideale per sviluppare i rapporti fra teatro ed editoria. In quest’ottica Colpi di scena è un esempio virtuoso di intreccio fra linguaggi e competenze, e può contribuire a ricreare un sistema teatrale di qualità che favorisca la ripresa dell’interesse per lo spettacolo nei ragazzi e nelle loro famiglie, dopo due anni catastrofici».

Saranno 18 le compagnie presenti a Forlì, in una “quattro giorni” intensiva «in cui tutti i teatri cittadini – anticipa Ruggero Sintoni, condirettore artistico con Claudio Casadio di Accademia Perduta – ospiteranno rappresentazioni della cui scelta ci prendiamo la piena responsabilità. Invitiamo sulla scena forlivese progetti di cui condividiamo la cifra stilistica: gli operatori sanno quindi che troveranno una selezione di proposte di cui siamo garanti… e del resto circa metà delle tournée delle compagnie ospiti dell’edizione 2021 è stata venduta proprio grazie alla vetrina di Colpi di scena!».

In programma, i nuovi spettacoli di quattro centri di produzione: oltre alla stessa Accademia Perduta di Forlì, anche Solares Fondazione delle Arti-Teatro delle Briciole di Parma, Teatro Gioco Vita di Piacenza, La Baracca-Testoni Ragazzi di Bologna, e delle compagnie Teatro Perdavvero, Teatro Evento, Tanti Cosi Progetti. Molti anche i linguaggi esplorati: dalla danza in Kleur+ della olandese Dadodans alla magia e ai numeri circensi di Il Gran Ventriloquini della compagnia Madamè Rebinè, mentre dà spazio alla commedia dell’arte Rossini flambè di Teatro Due Mondi.

Notizia nella notizia, a Forlì ci saranno anche rappresentanti della Sharjah international book fair visto che quest’anno l’Emirato di Sharjah è ospite d’onore alla Bologna children’s book fair e che dal 2 al 13 novembre l’Italia lo sarà a Sharjah per la 40ª edizione della Sibf.

«L’a mministrazione comunale di Forlì – conclude Valerio Melandri, assessore alla Promozione culturale – registra la presenza a Forlì e in Romagna di numerosi centri di produzione teatrale, in numero anche superiore a quanto potrebbero fare pensare le dimensioni della nostra città. Sono il segno di una grande vitalità culturale che si esercita sulle dimensioni micro e macro: la prima che rafforza la cultura nel territorio e fa comunità, la seconda, con gli esempi di Colpi di scena o della mostra su Maddalena di prossima inaugurazione, in grado di conferire a Forlì un respiro e uno spazio a livello nazionale e internazionale».

Info: www.accademiaperduta.it

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui