Bertinoro, ultimo appello al Pd per la coalizione

Ora che ufficialmente la candidatura di Gabriele Fratto è stata scartata dal Pd, i tempi sono stretti con le elezioni alle porte e sia il centrosinistra che il centrodestra sono alla ricerca del candidato “perfetto”, anche alla luce del fatto che con questa tornata elettorale si decidono le sorti della nuova presidenza della Provincia.
Situazione intricata
Dopo una discussione interna ai dem durata mesi, il bando della matassa non è ancora sciolto e èViva e Europa Verde lanciano l’ultimo appello al Pd, onde evitare che la coalizioni si laceri ulteriormente dopo la complicata vicenda dell’area commerciale di Santa Maria Nuova. «Se vogliamo evitare di consegnare Bertinoro e Provincia ad una vittoria storica della destra, con in testa la Lega, e ricomporre un gruppo allargato oltre il solo Pd, questa è l’ultima occasione utile – spiegano in una nota i due partiti – . Noi siamo disponibili per un ultimo tentativo di dialogo e di confronto su programmi e squadra. Se anche questo invito alla discussione rimarrà inevaso, siamo pronti ad altre soluzioni, che rimettano finalmente al centro il futuro di questo Comune». Dunque un altro tentativo per ricucire i rapporti e vedere se sussistono le condizioni per stare ancora insieme.
Veto su Capuano
Il problema, però, è legato alla figura dell’attuale vicesindaco Mirko Capuano, nome che in queste ultime settimane si è fatto sempre più insistente su cui però sia èViva che Europa Verde hanno messo un veto: «Solo trovando una sintesi ed una condivisione sui temi si può tracciare il profilo del miglior candidato. Non può rispondere a questo ragionamento, dopo quanto accaduto ed aver dichiarato insoddisfazione nei confronti del sindaco, l’ipotesi di un ripiego sul nome del suo vice, assessore da tre mandati che ha la paternità del progetto che ha frantumato la maggioranza e che ha attirato contestazioni di cittadini, associazioni di categoria ed ambientaliste ma anche sindacati. E in ogni caso una coalizione si costruisce attraverso un percorso comune, non con l’imposizione di candidature scelte da poche persone». Non solo, in questi giorni si è palesata un’altra opzione: a Bertinoro si mormora di un incontro tra lo stesso Capuano e il centrodestra. Al di là del fatto che si tratta di voci, più fonti invece hanno confermato che l’idea di fondo era quella di arrivare a creare una coalizione più larga possibile così che la vittoria dell’attuale vicesindaco fosse quasi scontata. Ma visto come sono andate le cose e con una conferma della candidatura di Capuano che tarda ad arrivare, viene facile supporre che queste condizioni non si siano concretizzate. Soprattutto ora che Gabriele Fratto è fuori dai giochi, il centrodestra mira al ribaltone in Provincia e sicuramente vorrà proporre la propria candidatura, che pare addirittura essere una persona al di fuori dell’associazione “Civitas” e alla lista di opposizione “Uniti per cambiare”. E proprio queste due realtà nel frattempo si sono fuse dando vita a BartnOra, la lista civica che si presenterà alle elezioni di ottobre. «In queste settimane ci siamo confrontati ed abbiamo riflettuto su come, insieme, potevamo renderci utili per proporre, partendo anche da esperienze diverse, un modo nuovo di intendere il ruolo dell’amministratore pubblico – dicono il presidente di Civita, Mattia Dalla Corna e Davide Fabbri, portavoce di Uniti per Cambiare -.Veniamo da cinque anni nei quali nel nostro Comune troppo spesso si è parlato di partiti e cariche e quasi mai di noi cittadini. Per questo nasce BartnOra che unisce, intorno ad un programma chiaro e già in parte condiviso con alcune realtà territoriali, ex amministratori disposti a mettere a disposizione le proprie competenze, consiglieri di zona stanchi di non essere ascoltati, rappresentanti di associazioni e comitati frustati da anni, oltre a donne e uomini interessati a disegnare nuove prospettive per il nostro territorio indipendentemente da idee politiche ed imposizioni di partito».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui