RIMINI. Nuovo consiglio direttivo e nuovo presidente al Circolo Velico Riminese. Nei giorni scorsi si sono svolte le elezioni dopo le dimissioni della presidente uscente Roberta Mazza. Il nuovo presidente è Leonardo Bernardini, avvocato, 61 anni, armatore di Antipolis, barca realizzata nel 1978 dal Cantiere Carlini di Rimini su progetto di German Frers. Con lui nel consiglio direttivo siedono Fabrizio Agostini (vice presidente e responsabile della scuola vela), Alessandro Manni (segretario), Stefano Ugolini (tesoriere), Romano Albani (responsabile di banchina), Claudio Casadei (responsabile attività sociali), Aristide Calbucci (responsabile delle attrezzature e delle barche), Andrea Neri (responsabile sede) e Matteo Forni (responsabile attività sportive e comunicazione). Il collegio dei probiviri è composto da Gianni Vasconi (presidente), Sigfrido Serri e Mirco Galli. Il collegio dei revisori da Mattia Maracci, Mario Fornaciari e Tiziano Corte.
Bernardini è una figura storica del circolo e in passato ha già ricoperto il ruolo di presidente. «Il circolo», ricorda «è nato nel 1982 e io mi sono iscritto nel 1983 solo perché a quell’epoca lo statuto imponeva di avere un’età minima di 25 anni».
Nelle prossime riunioni il direttivo metterà a fuoco gli obiettivi per la stagione 2020. Tra le tante attività, come la scuola vela e la Sardina Cup (36esima edizione in programma 1, 8, 22 e 29 marzo 2020) c’è la volontà di spingere ancor più sulla vocazione tradizionale del circolo che è la vela d’altura. Al momento non sembra ipotizzabile riportare in vita la famosa Rimini-Corfù-Rimini che negli anni ’80 e ’90 era una delle più prestigiose regate del Mediterraneo. Resta però un obiettivo importante, quello di organizzare una regata che possa entrare a far parte del campionato italiano d’altura. La Rigasa (Rimini-Gagliola-Sansego-Rimini), regata con doppia traversata dell’Adriatico in programma in settembre, potrebbe essere la carta su cui puntare.

Argomenti:

Circolo Velico Riminese

presidente

rigasa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *