“Bermudas” di MK al festival di Santarcangelo

SANTARCANGELO . Imprevedibilità, incertezza, mistero, instabilità, turbulenza, magnetismo, il “triangolo delle Bermuda” è tutto questo e in quella parte del mondo tutto può accadere. È tale indefinitezza che vuole evocare MK nel suo Bermudas, in scena stasera alle 21.30 allo Sferisterio e domani alle 20 con una variazione non da poco. Il lavoro prende un’altra declinazione, diventa Bermudas forever, si dilata fino alle 3 ore, con ingresso libero e la partecipazione del pubblico coadiuvato dai danzatori. Una caratteristica, questa della nota compagnia, ospitata nei più importanti festival della nuova scena, e del suo fondatore, il coreografo e performer Michele Di Stefano, convinto assertore della necessità di un lavoro in continuo adattamento e cambiamento in base al contesto in cui opera. E al Santarcangelo festival ciò è più che possibile, come spiega.
«Questo seconda serata è sostenuta da Santarcangelo perché qui la direzione artistica è molto disponibile a prendersi questo rischio con noi, oggettivamente è difficile immaginare il suo sviluppo, ma noi e il festival siamo uniti da una irresponsabile complicità».

L’intervista a Michele Di Stefano sul Corriere Romagna oggi in edicola.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *