Bellaria. Travolge ciclista e scappa, caccia al pirata

Travolge con l’auto ciclista e scappa senza prestare soccorso. Ma le telecamere “incastrano” il pirata. Un altro episodio da bollino rosso si è registrato in via Ravenna, alla rotatoria con via Donegallia, presso Bellaria Igea Marina, nel primo pomeriggio di un venerdì che definire surreale è un eufemismo, dato che solo una manciata di ore dopo un ubriaco avrebbe seminato il terrore, piombando con il suo Suv nel bel mezzo dell’Isola dei Platani (altro pezzo a pagina 7).

L’incidente

Ad innescare l’incidente sarebbe stato un sorpasso azzardato da una Bmw che ha finito per urtare con la fiancata un 50enne cesenate, che procedeva in sella alla bici. Stando alle testimonianze raccolte dagli agenti della Polizia locale, subito allertata, il conducente ha tirato dritto, proseguendo la sua marcia senza prestare soccorso al malcapitato disarcionato e volato contro l’asfalto. Per fortuna il ferito non ha mai perso conoscenza nonostante lo choc e le lesioni riportate, tra cui la rottura del femore. Una volta giunti sul posto, i sanitari del 118 lo hanno stabilizzato, prima di trasportato alla volta dell’ospedale di Rimini in codice di media gravità. Le indagini sono partite setacciando le telecamere di videosorveglianza che costellano la zona. Così il cerchio si è presto ristretto.

Risulta infatti già rintracciato il veicolo incriminato ed è stato sentito dagli agenti il proprietario che, pur non rientrando tra i residenti, dimora comunque a Bellaria. Resta comunque da appurare il passaggio più delicato, ovvero chi fosse al volante al momento dell’incidente, visto che l’uomo ha negato che fosse lui il conducente. Versione che sembra essere stata confermata dalle immagini delle telecamere. Ma il condizionale è d’obbligo e le indagini dovranno quindi fare chiarezza per accertare il responsabile dell’investimento. Una volta individuato dovrà fare i conti con la denuncia di omissione di soccorso, lesioni personali stradali e fuga del conducente. Reati per cui potrà dire addio alla patente. Viste le aggravanti, si potrebbe aggiungere anche il divieto di conseguire una nuova patente, senza dimenticare le eventuali conseguenze penali.

Giovane contro un muro

Sempre venerdì verso le 22 un giovane di neanche 30 anni, residente a Bellaria, si è schiantato contro un muro con la sua Cinquecento. I soccorritori lo hanno trovato privo di sensi, trasportandolo alla volta dell’ospedale di Rimini dove non versa in pericolo di vita. Nel frattempo gli inquirenti sono ancora al lavoro per far luce sull’accaduto, nell’attesa dei risultati dell’esame tossicologico.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui