Bellaria: schianto contro il guard rail, morta la donna

Gioconda Baldi è morta a causa di sopravvenute complicazioni per le ferite subite dopo il violento urto. L’84enne era rimasta coinvolta in un incidente martedì scorso, a Bellaria Igea Marina. E la donna, residente in città, era stata ricoverata d’urgenza nell’ospedale di Cesena per essere sottoposta alle cure dei medici ma le sue condizioni erano apparse subito molto gravi. Nella tarda mattina di ieri, all’ospedale Bufalini di Cesena, l’anziana purtroppo non ce l’ha fatta e ha medici non è rimasto altro che decretare il decesso. L’incidente è avvenuto dopo avere perso il controllo della sua Fiat 600 di colore nero: la donna stava procedendo verso le 19 lungo la via Ravenna, in direzione nord.

Invasione della corsia opposta

In un tratto rettilineo quando, all’altezza di via Sirtori, per causa ancora da accertare, ha sbandato, uscendo dalla carreggiata. La donna ha invaso la corsia opposta, andando a accartocciarsi contro il guard rail a protezione della fosse consortile. Tra le ipotesi che sono state prese in considerazione anche la presenza di nebbia, che martedì sera rendeva difficile visuale della carreggiata. Ma le dinamiche sono ora al vaglio della polizia municipale.

Nulla osta della procura

Rimasta intrappolata tra le lamiere della sua utilitaria, l’anziana, che versava già in gravi condizioni dopo il violento botto, è stata liberata dai vigili del fuoco, intervenuti sul posto, coadiuvati dal personale del 118. Ora l’autorità giudiziaria si dovrà esprimere anche in merito ad un’eventuale autopsia. Da Cesena infatti attendono indicazioni da parte della Procura di Rimini ed il nulla osta, per procedere al seppellimento. In città, Gioconda, originaria delle Marche, sposata e senza figli, viene ricordata dagli amici e conoscenti come «una persona riservata, sensibile e generosa». La donna lascia il marito e gli amati nipoti che abitano nella zona di Ancona.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui