Bellaria, rischio crollo sui binari: scatta il taglio dei Pini

Ferrovia bellariese, saranno abbattuti diversi pini a rischio crollo per scongiurare disastri ferroviari. Lo annuncia il sindaco Filippo Giorgetti dopo le analisi effettuate «da un agronomo professionista» sui pini del primo tratto di via Panzini e stilate a metà giugno, da cui è emerso che tre pini risultano «a forte rischio crollo». Un’indagine che si è sviluppata su due fronti: la tenuta statica e il “Visual tree assessment”, un metodo che valuta le condizioni strutturali degli alberi. «Data la vicinanza della linea ferroviaria siamo costretti ad abbatterli subito», precisa rassicurando che da ottobre a marzo prossimo saranno piantumati nuovi alberi «a medio fusto per evitare il rischio di ribaltamento sulla linea ferroviaria».

Nuove piantumazioni

In lizza piante come «la Melia Azedarach e il Neroum oleander oltre all’albero di Giuda già presente sul viale e via Roma con bellissimi fiori rosa intensi». Stessa frequenza per l’assessora all’Ambiente Adele Ceccarelli impegnata in Piemonte nel convegno organizzato da Asproflor-Comuni Fioriti per il progetto “Rinascitalia” che prevede 9mila chilometri percorsi in camper alla volta di 600 Comuni per promuovere il Turismo nel verde. «Il taglio è inevitabile, – conferma – poiché i pini svettano su un viale che da un lato è percorso in modo massivo da veicoli e dall’altro costeggia la ferrovia. Bisogna garantire l’incolumità delle persone e scongiurare un possibile disastro ferroviario, il che annienta ogni alibi per eventuali polemiche». Quanto agli altri pini, aggiunge, saranno sfrondati per contrastare i venti intensi come ha consigliato l’esperto. Un procedimento che, dopo la stagione estiva, ripartirà a settembre in direzione Cagnona. «Stessi principi applicati anche in via Virgilio dove – conclude l’assessora – le verifiche di tenuta decretano il taglio di una decina di piante. Oltre 40 anni fa i pioppi furono abbattuti in varie zone per far spazio ai pini, una soluzione già allora contestata su cui oggi dobbiamo intervenire».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui