Basket Supercoppa A2, RivieraBanca scivola dall’altalena di Cento

Tramec Cento-RivieraBanca: 73-63 (20-11, 35-30, 56-50).

TRAMEC CENTO: Tomassini 14 (2/2, 2/4), Kuuba 7 (3/4, 0/2), Zampini 5 (2/5, 0/2), Toscano 8 (3/7, 0/1), Archie 12 (3/6, 2/6), Berti 8 (2/5), Marks 12 (1/6, 2/6), Moreno 7 (2/3, 1/2). Zilli, Roncarati e Baldinelli ne. All.: Mecacci.

RIVIERABANCA RIMINI: Morandotti, Ogbeide 12 (4/5), Arrigoni 3 (1/4), Johnson 12 (0/4, 1/6), Meluzzi 7 (2/6, 1/6), D’Almeida 6 (2/3), Bedetti 10 (2/3, 2/4), Scarponi 9 (1/3, 1/5), Masciadri 4 (2/2, 0/1). Tassinari, Baldisserri e Sirri ne. All.: Ferrari.

TIRI LIBERI Cento 16/23, Rimini 20/25.

TIRI DA DUE Cento 18/38, Rimini 14/30.

TIRI DA TRE Cento 7/23, Rimini 5/22.

Sotto, poi sopra di slancio, poi sotto di brutto e definitivamente. La Rinascita cade a Cento nella prima sfida di Supercoppa giocando tutto sommato una gara onesta, senza Tassinari e Anumba e con la coppia Meluzzi-Johnson piuttosto annacquata (3/22 in due). Luci e ombre, dunque, anche se, senza continuità dai suoi due “punteri” e considerando che nei primi 17 minuti si tira 0/9 da tre, il prologo non è affatto male e le cose migliori si vedono senza Jazz Johnson. Il moro infatti inizia subito fuori fase (0/3, 3 perse, -2 di valutazione) e la prima mini-fuga della Tramec nasce dalle sue forzature. Con l’ex Moreno e Marks, Cento arriva a +9 (20-11 al 10’) sfruttando il 3/10 totale dal campo della Rinascita, che non affonda solo per i rimbalzi offensivi (molto bene Bedetti). La forchetta si amplierà ancora, arrivando anche al -13 (31-18 al 15’) con Ferrari a girare tutta la panchina senza trovare nulla di buono dalla coppia Johnson-Meluzzi, arruffoni e forzoni (panchina obbligata per l’esterno Usa). Quando sembra che il match possa prendere già una brutta piega, Scarponi si ribella: la sua tripla sveglia i biancorossi, che prendono inerzia con un’altra bomba di Meluzzi e uno schiaccione a rimorchio di Ogbeide. Bedetti infila la terza tripla in striscia ed è tutto riaperto (33-29), tanto che appena Johnson fa qualcosa di ordinario (bell’assist a Masciadri, una tripla, due liberi), Rimini si trova a +8 (40-48 al 27’) con uno stordente 5-18 figlio di un ottimo bilanciamento del gioco. L’elastico, in ogni caso, prosegue: pur senza Archie fuori malconcio, Cento d’orgoglio si affida a Tomassini (altro ex Crabs), che con due triple riaccende la Milwaukee Dinelli Arena, di nuovo in partita sul 2+1 di Toscano (52-48 al 29’, break 12-0).

RivieraBanca inizia ad accusare anche stanchezza causa rotazioni corte, Cento vede il canestro molto grande e spinge con Zampini sino al 60-52 (32’). È l’inizio della fine, per Rimini: ormai spompati, i riminesi affondano sotto i colpi di Toscano, Tomassini e Kuuba che porta la Benedetto al +15 (71-56 al 36’): tra tiracci impiccati e un paio di buone cose di un volitivo Ogbeide, Rbr si arrende lasciando piccoli rimpianti per quanto visto a inizio terzo periodo. Considerando le assenze e che siamo ancora in piena pre-season, ci può ampiamente stare.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui