Kaspar Treier è stato ospite all’Itis Nullo Baldini, dove ha incontrato i ragazzi e le ragazze di quattro classi prime e i loro docenti di Scienze Motorie. Lo ha introdotto il Team Manager dell’OraSì Ravenna, Lorenzo Brigadeci, colui che in prima persona si occupa quotidianamente delle necessità dei giocatori della prima squadra, accompagnando la presentazione con un video delle migliori giocare di Treier.L’ala estone classe 1999 ha parlato a tutto tondo della sua esperienza, dell’arrivo in Italia all’età di 14 anni, della lontananza degli affetti, della tenacia che lo ha portato, a soli 20 anni, al suo attuale livello, ancora in crescita e impreziosito dalla convocazione in nazionale maggiore dell’Estonia. Volontà. Organizzazione. Gestione del tempo libero. Questi i concetti chiave attorno a cui è ruotata la chiacchierata con i ragazzi, molto partecipi e affascinati dalla storia e soprattutto dalla genuinità del giocatore. Il tuo più grande sogno? “Giocare in Eurolega e restarci. Confermarsi ai vertici è un obiettivo più ambizioso del semplice arrivare”. Quanto ti ha aiutato a crescere l’attività sportiva? “Tantissimo, a stare con gli altri e ad essere sempre concentrato e sul pezzo”Hai mai pensato di abbandonare il basket? “Sì, ma con tenacia, forza di volontà e l’aiuto delle persone giuste sono ancora qui”.Tante le domande dei ragazzi, che domani sera saranno presenti al Pala De Andrè per assistere alla partita di campionato contro Piacenza. Per molti di loro sarà la prima volta al palazzetto e tanta è la curiosità di vedere all’opera Kaspar e i suoi compagni. Un ringraziamento alla disponibilità dell’istituto, Antonio Grimaldi, e dei docenti di Scienze Motorie dell’ITIS Nullo Baldini: Emanuele La Porta, Emanuela Caprarulo, Marco Tosi Brandi, Alfredo Di Lisa. 

Argomenti:

Basket A2 girone est

Ravenna basket

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *