Basket, ecco il “salva città” della Fip

Il mondo del basket teme di pagare l’onda lunga del Coronavirus e il Consiglio Federale della Fip ha approvato in via eccezionale, e per la sola stagione agonistica 2020/2021, il Lodo “Salva Città”. Il lodo per il settore professionistico mira a consentire di individuare nuove risorse umane e finanziarie per mantenere il livello di attività raggiunto nel medesimo territorio. L’eccezionalità del momento storico, i forti inviti del Governo rivolti alle Federazioni sportive affinché assumessero tutte le misure straordinarie ritenute opportune per consentire la salvaguardia del patrimonio sportivo, la Legge emanata nell’agosto 2019 che fa espresso riferimento alla possibilità di valutare la consistenza del titolo sportivo per poi eventualmente permetterne il passaggio, hanno indotto il presidente Giovanni Petrucci e il Consiglio Federale ad adottare tempestivamente questo provvedimento per l’anno sportivo 2020/2021.

Per continuare a contrastare la crisi derivante dall’emergenza Covid-19, la Fip ha determinato un ulteriore sostegno di un milione di euro. Per la stagione 2020/2021 verrà applicata, a tutte le società dei campionati maschili di Serie A, A2, B e dei campionati femminili di A1 e A2, una decurtazione del 20% sulle tasse gara.

Sempre per la prossima stagione verrà applicata una decurtazione del 10% sulle quote di rinnovo della tessera di allenatori, preparatori fisici, istruttori minibasket e dirigenti. L’intervento sarà successivo all’assestamento di bilancio previsto per settembre. Sale dunque a 7.7 milioni di euro l’intervento complessivo messo in campo dalla Federazione Italiana Pallacanestro a favore di società e tesserati per la prossima stagione sportiva. Il presidente Petrucci ha anche manifestato in Consiglio Federale l’auspicio di disputare le gare dei prossimi campionati a porte aperte seppure con capienza ridotta nei palazzetti e secondo le disposizioni governative in materia di contenimento del contagio da Covid-19. La Fip continuerà a monitorare attentamente la situazione al fine di vagliare tutte le condizioni per poter aprire al pubblico gli impianti nella stagione 2020/2021. Visto il regolamento internazionale e a seguito delle ulteriori delucidazioni richieste dalla Fip, la Fiba raccomanda che le elezioni per il prossimo quadriennio si svolgano dopo il Campionato del Mondo, disputato nel settembre 2019, e indipendentemente dalla programmazione dei Giochi Olimpici. La Fip celebrerà l’Assemblea Generale Elettiva nei primi mesi del 2021.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui