Basket B Supercoppa, una grande rimonta porta Faenza in semifinale

Raggisolaris Faenza-Luciana Mosconi Ancona 61-57 (11-14; 22-32; 42-49)

FAENZA: Mazzagatti ne, Ferrari, Siberna 6, Vico 4, Ballabio, Poggi 16, Reale 6, Morara 10, Petrucci 11, Ugolini 8. All.: Serra

ANCONA: Minoli , Panzini, Centanni 16, Zandri ne, Quarisa 13, Aguzzoli 5, Gospodinov, Cacace 5, Giombini, Pozzetti 11, Anibaldi ne. All.: Coen

ARBITRI: Nonna e Occhiuzzi

NOTE. Usciti per falli: Ugolini e Minoli

Rimonta da applausi per i Raggisolaris che volano in semifinale vincendo la quarta partita consecutiva di Supercoppa nei secondi finali. Il successo su Ancona arriva proprio al fotofinish grazie ad un’ottima prova del collettivo, costretto a rinunciare a Vico, uscito per infortunio a quattro minuti dalla fine. La squadra di coach Serra ritornerà in campo domani alle 17.15 in semifinale contro una tra Vigevano e Cremona (quando è stato inviato il comunicato il match era ancora in corso).

I Raggisolaris partono molto bene, ma non riescono a trovare il canestro con continuità, venendo poi colpiti da Ancona che oltre a difendere molto bene su Vico e in tutte le zone del campo, tirano con alte percentuali. La dimostrazione è il vantaggio di 30-20 negli ultimi minuti del secondo quarto arrivato dopo che i faentini non avevano segnato per sei minuti.

Ancona raggiunge il massimo vantaggio di 44-29 grazie a due triple e da quel momento parte la riscossa faentina. Minuto dopo minuto la difesa diventa sempre più attenta e l’attacco inizia a girare. Sotto 49-55 al 36’ Vico deve uscire dopo essere stato colpito fortuitamente alla testa dal ginocchio di Centanni mentre stava andando a rimbalzo e pur senza uno dei suoi leader, i faentini piazzano la rimonta.

Morara suona la carica per il 54-55, Poggi firma il sorpasso (56-55) e Centanni dalla lunetta il controsorpasso dorico: 57-56. Il pallone inizia a scottare, ma non per Siberna che a 10’’ dalla sirena firma la tripla del 59-57. A completare l’opera è Petrucci, prima con un’ottima difesa su Pozzetti costringendolo a perdere palla, poi con il 2/2 dalla lunetta che vale la semifinale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui