Basket B, Rinaldi scuote Rimini: “Ora iniziamo a mettere le mani addosso anche noi”

Il primo, vero brusco stop della stagione fa parte di un normale percorso o deve far squillare qualche campanello d’allarme? Dopo cinque successi consecutivi, la Rinascita si è arenata a Rieti, asfaltata dal punto di vista dell’intensità e dell’energia dalla rumba della Npc di Gabriele Ceccarelli.

Un match dai due volti: la prima parte in controllo, con i biancorossi anche a +12, la seconda in sofferenza totale, con un clamoroso 22-4 che dal 36-44 del 23’ portava al 60-48 del 33’.

«Si, abbiamo approcciato bene la partita, però poi come con Montegranaro e Senigallia siamo andati a folate e in una partita così non te lo puoi permettere – commenta Tommy Rinaldi -. Serve limitare questi bassi troppo frequenti, altrimenti si pagano».

Dopo le sconfitte in emergenza a Rieti sponda Real Sebastiani (all’esordio, senza Tassinari) e a Roseto (senza Tassinari e Mladenov), è arrivato un altro ko in uno scontro diretto con una squadra di alta classifica. Ci può stare o preoccupa? «Era il primo scontro diretto che affrontavamo al completo e l’aspettativa era alta, sia dall’esterno che da parte nostra – ammette il capitano -. È andata bene per un tempo, poi loro ci hanno messo le mani addosso e abbiamo subìto, su questo dovremo lavorare».

Si parla spesso di basket tecnico e fisico: ma c’è una vera differenza? O l’uno propedeutico all’altro? «Possiamo dividere la pallacanestro da un lato tecnico e fisico, ma è sempre lo stesso sport. Noi giochiamo bene quando troviamo tiri aperti e ci passiamo la palla, anche a Rieti eravamo andati in doppia cifra di vantaggio. La nostra bravura deve essere quella di mantenere questo vantaggio, per difenderlo proprio quando il match si fa più agonistico e sporco e gli altri iniziano a menarci. Certi campi sono difficili, dobbiamo rispondere nella stessa misura ed evitare di prendere dei parziali che ci fanno uscire dalla partita. Se invece di 22-4 prendevamo un 12-4 saremmo stati lì, in linea di galleggiamento. Questi scontri diretti ci insegnano che dobbiamo aumentare l’intensità e mettere le mani addosso anche noi».

Ora, prima di Natale, si chiuderà con un doppio appuntamento al Flaminio con Ancona (domenica) e Jesi (mercoledì 23). Per andare alle final eight di Coppa Italia bisogna fare filotto, considerando gli scontri diretti a sfavore. «Vogliamo fare 4/4 e qualificarci: oltre a queste due subito dopo la sosta affronteremo Cesena e Luiss Roma. Poi tracceremo un primo bilancio, ma per risolvere questi problemi dovremo picchiarci di più in allenamento e restando più calmi quando le cose non vanno bene. Dobbiamo incassare meglio, senza andare fuori giri».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui