Basket B, la Rekico inaugura la seconda fase in casa con Cecina

Fase nuova, vita nuova, almeno questo è quello che sperano i tifosi di Faenza. Ritornare alla vittoria al PalaCattani per esordire nel migliore dei modi nella seconda e decisiva fase del campionato. Questo è l’obiettivo della Rekico, attesa domani alle 18 dal match casalingo contro la Sintecnica Cecina, seconda forza del girone A2 dove è arrivata quarta con 12 punti. Da questo fine settimana i sottogironi A1 e A2 si uniscono nel girone A, dove le sedici formazioni giocheranno otto gare contro le avversarie non ancora affrontate nella prima fase. Al termine delle ventidue giornate complessive, le prime otto disputeranno i play off incrociando le formazioni del girone B.

Questo impegno inaugurerà un trittico di incontri in una sola settimana contro squadre toscane: mercoledì i Raggisolaris saranno impegnati alle 18 ad Empoli, mentre domenica 28 alle 18 ospiteranno Firenze.

Rekico – Cecina sarà in diretta streaming su LNP Pass ( si può sottoscrivere l’abbonamento annuale o acquistare il singolo incontro).

Ritmi alti e tanto atletismo sono le caratteristiche della Sintecnica Cecina, prima avversaria della Rekico nella seconda fase di campionato, formazione che ha chiuso al quarto posto nel girone A2 con un bottino di 12 punti, ma con ancora la gara da giocare in casa di Piombino che si disputerà venerdì 2 aprile. La squadra di coach Alberto Russo è infatti una delle più giovani dell’intera serie B avendo soltanto tre senior nel roster, ma non manca di qualità come dimostra il play\guardia Saverio Bartoli, classe 2000 cresciuto nel settore giovanile della Mens Sana Siena. L’esterno, che ha incrociato la Rekico due anni fa quando era a San Vendemiano, è il miglior realizzatore della squadra con 15.5 punti di media e grazie alle sue ottime prestazioni è stato eletto miglior under della serie B nel mese di gennaio. Nella scorsa stagione era a Lucca dove ha giocato insieme a Petrucci. Molto prolifico in fase offensiva è anche la guardia Lorenzo Pistillo che tira da tre con il 43% e viaggia a 14.2 punti di media. Insieme a lui a completare la batteria dei senior ci sono l’ala\pivot Nwokoye Obinna (ex Torrenova e già a Cecina nel 2016/17) che abbina 11.4 punti di media al grande atletismo e alla fisicità e Manuel Di Meco, ala da 10.2 punti con un buon tiro da fuori. Di grandi qualità sono anche il play\guardia Francesco Gnecchi (classe 1999) uno dei pochi confermati dalla scorsa stagione, il compagno di reparto Costantino Bechi (2000), l’ala Giacomo Guerrieri (1999) prodotto del vivaio proprio come la guardia Enrico Trassinelli (2002), e l’ala Alessandro Ceparano (2001). Completano l’organico toscano il play\guardia Guido Pellegrini (2004), il centro Anoir Filahi (2000), secondo e ultimo confermato dal campionato 2019/20, la guardia Daniele Greggi (2003) e la guardia\ala estone Kirill Korsunov (2000) arrivata in settimana da Cremona (serie B), buon tiratore cresciuto nel settore giovanile del Don Bosco Livorno.Quella di domenica sarà la terza volta che si incontreranno Raggisolaris e Basket Cecina: i precedenti risalgano alla stagione 2015/16 in serie B e il bilancio fu di una vittoria per parte.

“La prima fase della stagione ci ha resi consapevoli del nostro potenziale – sottolinea il pivot della Rekico Giacomo Filippini – e ci ha fatto capire dove può arrivare la nostra squadra. Sappiamo di aver lasciato punti per strada anche per colpe non nostre, ma ora guardiamo al futuro e alle prossime otto partite che saranno decisive per ottenere un buon piazzamento. Arriviamo alla seconda fase del campionato con il morale alto, perché in questa settimana ci siamo finalmente allenati al completo ed è la cosa più importante. Cecina è una squadra molto giovane che ha giocatori atletici molto bravi a giocare nell’uno contro uno. Bisognerà quindi contenerli e cercare di imporre il nostro gioco commettendo pochi errori in difesa. I risultati dimostrano che sta disputando un’ottima stagione, perché il quarto posto nel girone A2 con ancora una gara da recuperare è davvero un buon piazzamento ed infatti sono stati la rivelazione di quel girone. Non ho mai affrontato in campo i giocatori di Cecina, ma conosco le loro caratteristiche grazie al lavoro di preparazione della partita che abbiamo svolto nei giorni scorsi con il nostro staff. Nel mio ruolo c’è Di Meco che è un lungo dinamico con un buon tiro da fuori, ma direi che tutti i giocatori di Cecina possono segnare da ogni posizione e dunque dovremo stare molto attenti”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui