Basket B, in arrivo una domenica di passione

L’ultimo sforzo per il 2022. È quello richiesto domenica prossima a quasi tutte le romagnole, attese dall’ultima partita dell’anno solare (eccezion fatta per i Tigers, visto il recupero del 29 dicembre contro Matelica), perché poi il campionato di B si fermerà per le festività natalizie, ripartendo solo domenica 8 gennaio.

Le nostre si troveranno ad affrontare 40 minuti di capitale importanza e nessuna di loro, per opposte ragioni, può permettersi una sconfitta. Da Faenza, in lotta per quel secondo posto alla fine dell’andata che significa pass ai quarti di Coppa, fino all’Andrea Costa, protagonista di un vero spareggio in ottica 12ª piazza contro San Miniato al Ruggi, passando per Tigers e Virtus Imola, che si sfideranno a Cervia. La Conti-band, se vuole tenere viva la fiammella della speranza, deve muovere la classifica, Aglio e compagni, dal canto loro, sanno di non poter scivolare contro le ultime, per dare ancor più valore all’eccezionale avvio di stagione.

Poi, come anticipato, arriverà la sosta, con il suo carico di riflessioni in ottica mercato (i Tigers cercano un play, l’Andrea Costa sonda per un esterno o un lungo) e si spera novità sul fronte Firenze. La società toscana naviga sempre in acque peggiori. Secondo molti Laganà sarebbe vicinissimo alla firma con la Real Sebastiani Rieti e pure Ndoya e Bushati vengono dati in partenza, ma soprattutto bisognerà capire se Firenze concluderà in qualche modo la stagione oppure no. Questa decisione, infatti, peserà enormemente sulla classifica e sul futuro delle altre 15 squadre.

Faenza, 1 fisso

I manfredi domenica riceveranno al Pala Cattani (ore 18, arbitri Guercio di Ancona e Antimiani di Montegranaro) il più che abbordabile Empoli, con l’obbligo di vincere sia per consolidare la classifica (+4 sul gruppone delle quinte) sia per tenersi avanti (grazie allo scontro diretto) nel testa a testa con Fabriano. Se il primato di Rieti alla fine dell’andata non è infatti in discussione, Blacks e Ristopro si giocano quel secondo posto che significa quarti di Coppa: certo una trasferta a Ruvo di Puglia (leader del gruppo D) per una sfida secca a metà settimana non appare, a livello logistico, il massimo della vita, ma questo prevede la nuova formula scelta dalla Lnp.

Faenza, per non dipendere dagli avversari, ha bisogno di un 3/3 e probabilmente saranno gli incroci con Senigallia (avversaria di entrambe le contendenti) a determinare la qualificata.

Un derby da vincere

Finora i Tigers l’unico successo stagionale l’hanno portato a casa contro un’Imola, ma non la Virtus che sfideranno domenica (ore 18 a Cervia, arbitri i marchigiani Scaramellini e Giardini). Più che aggrapparsi alla cabala, Brighi e compagni non possono fare e pure il benefico impatto iniziale dato dall’arrivo di Lombardo si è esaurito. Di certo i punti di distacco dal 12° posto cominciano a diventare tanti, sei per l’esattezza e visto che domenica una fra Andrea Costa e San Miniato vincerà di certo, per non perdere altro terreno ai bianconeri serve un’impresa.

Si, perché sarebbe un’impresa battere la roboante Virtus di questi mesi (record vincente in trasferta, 3-2), concentrata sul recuperare energie fisiche e mentali dopo il grande sforzo della scorsa settimana. Con coach Regazzi ancora non al meglio, Mladenov in via di guarigione alla caviglia e Tommasini e Galassi in dubbio per i rispettivi acciacchi, la matricola terribile avrà bisogno del contributo di tutti. La spinta del pubblico al seguito permetterà ai gialloneri di giocare in casa e questo resta un bel vantaggio.

Spareggio vero

Al Ruggi arriva San Miniato (ore 18, fischietti Paglialunga di Fabriano ed Esposito di San Benedetto del Tronto) per una partita che profuma di play-off salvezza. Le due squadre sono infatti appaiate al 12° posto, l’ultimo che regalerà a maggio una speranza di sopravvivenza, quindi i punti in palio valgono doppio. L’Andrea Costa gioca in casa e per questo avrà ancora più pressione addosso, l’Etrusca è tra le formazioni più in palla dell’ultimo periodo, insomma si prospetta un duello serrato. Oggi i biancorossi disputeranno dalle 20 un’amichevole d’allenamento alla palestra Pertini di Bologna contro il Cmp (C Gold), così da mettere minuti nel motore di Montanari (reduce da un lungo stop) e ovviare all’assenza sicura di Agostini (volato negli Usa per laurearsi, tornerà venerdì) e probabile di Fazzi (alle prese con la febbre). La società resta vigile sul mercato e l’ago della bilancia sembra pendere verso l’inserimento di un lungo, a patto di trovare il giocatore giusto (cioè buono) al prezzo giusto (cioè non troppo alto). Di certo la sofferenza a rimbalzo nelle ultime due uscite ha ulteriormente indirizzato le riflessioni dello staff tecnico dell’Andrea Costa, insieme al progressivo calo di rendimento di Trentin dopo lo spostamento da sesto uomo a “5” titolare.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui