Basket B, Imola canta: “c’è qualcosa di Grandi tra di noi”

L’inchino di Federico Grandi alla curva biancorossa. Le lacrime nascoste dalle mani di capitan Corcelli seduto in panchina. Gli abbracci caldi e sentiti fra i protagonisti di una stagione indimenticabile. Quell’ultimo cerchio in mezzo al campo, davvero “magico” per la compattezza e la forza morale espresse dal gruppo in quasi nove mesi di duro lavoro.

Sono tante le istantanee che garaquattro fra Andrea Costa e Agrigento si è portata dietro, riuscendo a rendere dolcissima una sconfitta tale solo sul referto: poche squadre nei quasi 55 anni di storia biancorossa sono entrate così sottopelle al popolo imolese, ecco la verità, e quel coro “Orgogliosi di voi” unito a un lunghissimo e infinito applauso hanno reso l’epilogo di domenica sera il migliore possibile.

I due segreti dell’Andrea Costa

La creatura messa insieme da Grandi e dal diesse Alessandro Domenicali è andata ogni oltre più rosea aspettativa. «Non capita tutti gli anni di allenare persone di questo calibro – ha spiegato il coach ozzanese -. Dopo la quarta sconfitta consecutiva (il -39 di Ancona, ndr) i ragazzi mi hanno detto di non preoccuparmi e che saremmo tornati più forti di prima. E così è stato».

Segreto 1 numero, quindi il gruppo. Il secondo è fin troppo scontato. «I nostri tifosi hanno fatto sì che il Pala Ruggi diventasse un posto magico. È bello poter giocare qua».

Parole seguite a quell’emozionante inchino sotto la curva dell’Onda d’Urto, a dimostrazione di come davvero il “vecchio” e scomodo Ruggi resti, nonostante il passare degli anni, speciale.

Futuro da scrivere

E il futuro? Bella domanda. L’unica certezza è che l’Andrea Costa parteciperà al prossimo campionato di B. Come sottolineato più volte dai giocatori i pagamenti, eccezion fatta per un ritardo a inizio 2022, sono stati puntuali. A inizio giugno il club bonificherà i 4000 euro necessari per uscire dal terzo anno di contratto di Paolo Moretti che ha pesato eccome sul budget 2021-‘22 con i suoi 40.000 euro. L’accordo per il 2022-2023 ce l’hanno Federico Grandi e Nunzio Corcelli, sulle cui conferme non sussistono dubbi. Dopo 223 presenze e 7 anni di militanza biancorossa sembra invece destinata a esaurirsi l’avventura all’Andrea Costa dell’assistente Mauro Zappi, con Carlo Dirella in rampa di lancio. Tutto il resto, dagli obiettivi sportivi all’allestimento del roster, passando per budget e struttura societaria, rappresentano un punto interrogativo. Che sarà tale almeno fino a metà giugno.

L’impressione è che l’Andrea Costa proverà a “qualificarsi” per la B1 2023-2024, ma senza fare pazzie. Gli imolesi Fazzi, Wiltshire e Vigori e lo stesso Calabrese sembrano confermabili, come pure Trapani e Cusenza, più difficile con Carnovali e Trentin. La parola passa ai dirigenti e il ritorno ormai scontato del derby con la Virtus (Spes Vis) a 25 anni di distanza dagli unici due precedenti ufficiali rappresenterà, anche per loro. uno stimolo in più.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui