Basket B, i numeri premiano l’orchestra RivieraBanca

Spesso si abusa del termine squadra come se esaltare un singolo, anche in uno sport collettivo, fosse il “male supremo”. In realtà, per vincere i campionati, servono entrambi: le individualità di spicco e la capacità di un team di ovviare alla giornata no di una di queste, perché, appunto, c’è la squadra a compensare. Questi due concetti sono tangibili se ci riferiamo a RivieraBanca, ma attenzione: non è solo questione di quello che vediamo in campo, ma anche di numeri.

Prendiamo, in primis, le medie realizzative dei biancorossi: sono addirittura cinque, gli abituali in doppia cifra, considerando anche Tassinari che, nella classifica generale dei bomber, ancora non c’è perché ha giocato solo tre partite (ma segnando 18 punti di media, il che al momento lo proietterebbe in vetta). Gli altri sono Saccaggi (decimo, 13.9), Bedetti (12.4), Masciadri (11) e Arrigoni (10.8).

I numeri non possono mentire

La pericolosità diffusa della Rinascita impedisce agli avversari di battezzare qualcuno o di ricorrere con successo alla zona, perché in ogni caso c’è un protagonista diverso e la squadra legge le situazioni colpendo dove c’è un vantaggio. Arrigoni (8.5 difensivi e 2.3 offensivi) e Masciadri (6.9) sono i migliori rimbalzisti di RivieraBanca, che in questo fondamentale può migliorare. Stupisce un po’ non trovare Tommy Rinaldi nei primi, anche se il capitano arpiona 1.8 offensivi di media.

Alla voce assist, aspettando l’irruzione in classifica di Tassinari, il solito Rivali si distingue con quasi 5 “cioccolatini” per partita. Ma attenzione: il Genio è l’unico nella top five di una statistica individuale, anche perché i minutaggi dei singoli biancorossi, considerando la profondità della rosa (e manca all’appello Mladenov, appena rientrato), non sono volutamente portati allo stremo.

Le medie di squadra

Rbr si fa notare molto di più: è il secondo attacco del girone C con 77.3 punti (dietro a Roseto, 78.1), terza nella percentuale da due (52%), prima nelle triple (37%), seconda nei liberi (76%, Sebastiani comanda col 77%), prima nei rimbalzi difensivi (31.4), quarta negli offensivi (10.8) e negli assist (16.1), seconda per valutazione media complessiva (87.8, Roseto comanda con 89.9). Chiudiamo con la difesa, che al momento è la settima del gruppo (66.4 punti subiti), ma influenzata dal calendario difficile.

AMATORI AICS

Jumping Plumbersridimensionanoi Tatanka Saints

Prima sorpresa nel campionato Amatori Aics di Imola. I favoritissimi Tatanka Saints di coach Walter Grandi sono infatti caduti per 49-51 fra le mura amiche con i Jumping Plumbers, stesi dagli 11 punti di Scala e Coccaro (inutili i 9 di Pirazzoli). Restano a punteggio pieno assieme ai castellani sia l’HO Bologna, grazie al 45-107 sul campo dei Locos (18 di Zico), e i Grifo Bonetti, che passano (54-69) a domicilio dell’Avvelenata (17 di Pasquali e 16 di Filippone). Infine il Playground Volta si sblocca, battendo 67-51 il Basket 95 Imola.

La classifica: Jumping Plumbers Castel San Pietro, Grifo Bonetti Supersonics e HD Bologna 4; Tatanka Saints e Playground Volta Imola 2; Basket 95 Imola, L’Avvelenata Castel San Pietro e Locos per lo sport 0. R.R.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui