Basket B, Faenza-Rieti: che serata al Pala Cattani

Smorzato l’effetto euforico dell’alta quota dalla legnata di San Miniato, che ne ha spezzato la striscia di sette vittorie consecutive, i Blacks tornano stasera in un PalaCattani vestito a festa (ore 20,30 arbitri Spinelli di Cantù e Vastarella di Milano), per la sfida alla capolista Real Sebastiani Rieti, provando a risalire subito in groppa al cavallo scosso.

Il tempo ridotto proposto dal calendario da una parte ha ridotto i tempi per la preparazione al big match, ma dall’altro ha impedito di rimuginare troppo sull’occasione sciupata in Toscana, quando i neroverdi hanno fatto calare in anticipo intensità e concentrazione, facendosi sorprendere dal ritorno di San Miniato.

E se la scottatura con la Virtus Imola alla seconda giornata fu benefica per dotarsi di una crema ad alta protezione per i due mesi successivi, chissà se l’ustione di domenica non sia da monito per non avvicinarsi ulteriormente al fuoco a cui ci si è esposti.

Se i Raggisolaris cercano una partita per riscattarsi, non c’è avversaria migliore di Rieti che da tre anni prova, senza badare troppo a spese, a salire in A2, categoria conquistata dai loro “cugini” della Npc nella passata stagione. Di proprietà del vulcanico Roberto Pietropaoli, reduce dai trionfi nel futsal, la Real Sebastiani, dopo due campionati in cui aveva forse collezionate troppo “figurine” a dispetto dell’amalgama, è stata costruita in modo più intelligente, unendo elementi che facevano la differenza anche al piano superiore e che, lungi dal sentirsi “arrivati”, conservano intatta la loro fame agonistica, con altri che conoscono meglio la categoria ed hanno ampi margini di crescita. Il tutto mixato dalle mani di coach “Sandrokan” Dell’Agnello.

«Possono giocare con diversi assetti -spiega coach Garelli – facendo a meno del centro di ruolo, adattando sotto canestro esterni di grande fisicità che possono creare importanti mismatch. E le difficoltà tattiche provengono anche alla rapidità di esecuzione, grazie alla quale stanno rispettando i pronostici di inizio stagione. Noi arriviamo a questo appuntamento dopo una sconfitta dovuta alla presunzione avuta in alcuni frangenti, in cui ci siamo dimostrati privi di killer instinct e abbiamo fatto rientrare in gara San Miniato. Non abbiamo avuto il tempo necessario per analizzare le cause dei nostri errori ma l’importante sarà scendere sul parquet con l’atteggiamento giusto, perché non potremo permetterci quello mostrato domenica scorsa».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui