Basket B, Andrea Costa e uno Sgorbati multitasking

Morale alto, 4 punti in classifica e all’orizzonte la trasferta “lunga” a Corneliano d’Alba di domenica (ore 18, arbitri Castellano di Legnano e Cassina di Desio). L’Andrea Costa ha ripreso a lavorare chiaramente con il sorriso sulle labbra, gestendo senza urgenze gli acciacchi di Preti (tendine d’Achille) e soprattutto Sgorbati (rimasto fermo martedì). L’ex Ravenna e Fortitudo è di nuovo alle prese con quel dolore pubalgico che lo “accompagna” da qualche stagione, gestibile con sedute dal chiropratico e tanta terapia, ma condizionante per lui che domenica scorsa ha potuto giocare solo 12’: «Diciamo che sto mediamente bene – esordisce l’ala imolese – Devo riuscire a far passare il fastidio con qualche giorno di riposo, per rientrare al più presto. Vediamo di resistere, di sicuro questo problema mi limita e gli ultimi anni non sono stati fortunati a livello fisico. Sono abbastanza abituato alla situazione, di certo credo sia arrivato il momento di risolvere la cosa in maniera definitiva e non con un “sollievo” che duri tre mesi. Fermarsi? Non ci penso proprio, devo restare attivo e trovare il miglior equilibrio possibile».

Multitasking

In questi primi quattro mesi di stagione, Sgorbati già più volte ha dovuto “soffrire” per provare a giocare nonostante gli acciacchi: «Il derby? Certo mi è dispiaciuto non rientrare più, uno vorrebbe sempre stare in campo e poter dare il 100%, ma ogni tanto stringere i denti non basta. Quando stai male poi diventa difficile dare il proprio contributo e domenica era così».

Arrivato per ricoprire il ruolo di ala piccola, l’esterno imolese con coach Moretti in realtà si sta spostando da una zona all’altra del campo, portando anche palla e marcando, alle volte, i lunghi avversari: «Il feeling con l’allenatore è stato immediato. Mi piace che lui sfrutti questo mio essere multitasking, perché è una caratteristica che ho sempre apprezzato di me stesso. Dove risulto più efficace? Questa è una domanda da un milione di euro, di certo a livello fisico di esterni con le mie doti fisiche non ne vedo tanti e se ci aggiungiamo l’esperienza che ho accumulato negli anni, allora dico che lontano da canestro posso fare bene».

Ogni tanto, però, Sgorbati dà l’impressione di accontentarsi di un arresto e tiro dai cinque metri, invece di mettere la palla a terra e attaccare il ferro. E, proprio per i motivi che ha detto prima, diventerebbe difficile per gli avversari tenerlo: «Io gioco in maniera abbastanza istintiva. Se credo di poter segnare un piazzato da fuori, non esito a prendermelo, come passo la palla se vedo un compagno meglio piazzato o attacco il ferro quando lo ritengo più conveniente o necessario. Di certo non ho paura di entrare dentro l’area e prendere qualche botta».

Tante frecce

Di certo l’Andrea Costa ha dimostrato di avere profondità e talento diffuso: «Siamo un bel gruppo. Domenica Alberti è stato l’mvp cambiando la partita e ogni volta il nostro protagonista può cambiare. Se capiamo di dover diversificare le opzioni in base agli avversari, faremo molto bene».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui