Basket, Dell’Agnello: “Il razzismo è insopportabile”

Basket, Dell'Agnello: "Il razzismo è insopportabile"

Forlì in campo in un tempio del basket italiano. Si torna in campo dopo la bella vittoria contro Udine, e la gara di mercoledì contro l’Urania Milano (PalaLido, ore 20:30) sarà la prima di due trasferte in quattro giorni. Coach Sandro Dell’Agnello ha parlato oggi in conferenza stampa, partendo dal cambiamento della “settimana-tipo” dovuto alle tre sfide in una settimana: “Inevitabilmente la routine cambia: rispetto alle doppie sedute della settimana standard il tempo di allenamento è ridotto. Ma devo dire che mi piace la settimana fatta così: in un campionato in cui si gioca una volta a settimana, si arriva ad un totale di quattro partite in un mese, poche secondo me. Mi piace l’idea di giocare di più, e credo che valga lo stesso per i giocatori”.
L’avversaria di domani è l’Urania Milano, che arriva dalla sconfitta contro Ferrara, ma che dieci giorni fa ha battuto Udine al Carnera: “È una squadra che ha una classifica importante, ed è solo uno dei tanti motivi per cui va rispettata. Giocano in maniera sfrontata e garibaldina, e lo dico come complimento. Inoltre sono una finta neopromossa, visto che in quintetto hanno giocatori molto esperti del campionato ed una buona coppia di stranieri, e la classifica lo dimostra. Noi dovremo avere il ritmo corretto ed efficace per tutti i 40 minuti”.
Come si prepara la gara di domani? Pensando soprattutto a se stessi, dice il coach: “Ovviamente abbiamo preparato qualcosa, ma rispetto a domenica non stravolgeremo nulla. Ci rifugeremo soprattutto sulle basi di ciò che abbiamo costruito da agosto ad oggi, magari adattando un paio delle nostre regole in funzione dell’avversario”. La certezza è che, pur tornando in campo dopo pochi giorni, il focus sarà solo su domani sera: “Faremo di tutto per vincere usando tutte le nostre armi a disposizione. Non penseremo a domenica, quello lo faremo solo a fine partita”.
Dell’Agnello è poi tornato sulle decisioni del giudice sportivo sulla squalifica: “Ammetto che non mi sono accorto di nulla, ma se ci fosse stato qualcuno che ha usato espressioni di razzismo, sarebbe assolutamente un comportamento da condannare. Se c’è una cosa che mi fa imbestialire è appunto il razzismo in ogni sua forma, insopportabile e ingiustificabile.”.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *