Basket A2, Unieuro senza Palumbo ma decisa a vincere

È uno snodo cruciale anche quello della terzultima giornata della prima fase del campionato che stasera alle 18 vedrà l’Unieuro ospitare l’Eurobasket Roma dei funesti ricordi legati agli scorsi play-off. Quelli che entrambe vogliono riconquistare ed è per questo che i due punti in palio pesano, tanto più considerando che i capitolini, ora a -4 da Forlì, hanno una gara in più da giocare rispetto ai romagnoli.

Il quadro è molto chiaro ed è anche un po’ complicato considerando che Mattia Palumbo salterà la sfida dopo avere dato forfait anche con la Stella Azzurra. «Gli esami effettuati questa mattina (ieri, ndr) hanno evidenziato una situazione in miglioramento, ma non tale da consentirgli di tornare subito in campo – ammette il coach Sandro Dell’Agnello -. Lo rivaluteremo martedì e siccome l’infiammazione è seguita e curata con grande scrupolo ed è stata affrontata sin dal suo manifestarsi, quindi per tempo, voglio pensare positivo, quindi di poter rivedere Mattia in palestra dall’inizio della prossima settimana».

È l’auspicio di tutto il clan forlivese visto che il ritorno a ranghi completi era coinciso con una crescita complessiva della squadra in termini di costanza e risultati. «Dobbiamo ancora migliorare il livello qualitativo dei nostri attacchi e la sfida contro la Stella Azzurra ce lo ha dimostrato, ma i continui andirivieni tra campo e infermeria degli esterni e le tante gare ravvicinate hanno rallentato il processo di crescita. Sono convinto che ripartirà, ora che avremo più tempo per allenarci davvero, perché è stato proprio il fatto di potere svolgere sedute a ranghi completi che ha fatto alzare il livello degli allenamenti e delle partite».

Ora questo livello va mantenuto, poi si cercherà di alzarlo ulteriormente, ma in campo, stasera, c’è poco da andare per il sottile: serve vincere, anche se dovesse essere una “gara sporca” come quella di mercoledì scorso. «Non c’è stata né ci sarà una gara più o meno importante, mentalmente non cambia nulla rispetto al recupero di Frosinone. L’assenza di Palumbo può condizionarci, dovremo superare parecchi ostacoli, ma la convinzione dei miei ragazzi è ferrea e nell’ultimo periodo si è cementata».

L’Eurobasket è una formazione diversa rispetto a quella dell’andata: c’è Carroll, presumibilmente motivatissimo. «L’operazione Carroll non ha funzionato – ammette Dell’Agnello – e il dispiacere è comune e va diviso tra tutti. Lui adesso è in un contesto diverso e anche noi siamo diversi. Mi limito a dire questo».

Le chiavi del match? «Roma gioca in velocità, anche con 4 piccoli per aprire il campo, eppure va forte a rimbalzo d’attacco anche con gli esterni. Quindi il controllo del ritmo, che non significa andare al rallentatore, e il presidio dei tabelloni, saranno fondamentali».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui