Basket A2: Unieuro, è Radonjic il jolly anti Nardò

Dietro e dentro la partenza lanciata dell’Unieuro non ci sono solo la chimica del gruppo, la qualità indubbia di molti dei suoi esponenti, l’esperienza da vincente di Daniele Cinciarini o la mano di coach Antimo Martino. C’è anche tanta voglia di riemergere o affermarsi definitivamente. Esempi? Lorenzo Penna nel primo caso, Fabio Valentini nel secondo, ma anche Todor Radonjic che dopo una promozione con Fabriano e brillante stagione a Latina, ha scelto Forlì per dimostrare di meritarsi vetrine importanti.

Passo dopo passo sta perseguendo il suo obiettivo. Basti guardare minutaggio e rendimento delle ultime partite: sempre in crescita sino ai 12 punti in 24 minuti del derby con Ravenna, suoi high personali in biancorosso. La fiducia in lui c’è, si vede e la sente. «Confermo e mi fa davvero piacere – sorride l’ala montenegrina – Scegliendo Forlì sapevo sin dall’inizio quali sarebbero stati il mio ruolo e i miei compiti in campo, sapevo che avrei giocato meno minuti del passato, ma che sarebbero potuti comunque essere importanti se non mi fossi mai risparmiato. Così sta andando: quando entro punto solo a dare il mio massimo, devo essere sempre al 100 per 100 in tutto ciò che faccio e poi non conta il “quanto” o il “cosa”, bensì il come lo faccio». La consapevolezza e la maturità di “Tosho”, com’è soprannominato, vanno di pari passo alla felicità di vedere i suoi sforzi premiati dall’impiego e dai successi. «E’ solo l’inizio della stagione, può succedere di tutto, per questo ci stiamo semplicemente godendo il momento senza diminuire minimamente l’impegno – spiega – La vera felicità sta nel capire che il lavoro che svolgiamo sta dando i suoi frutti e per questo puntiamo a migliorarci sempre un gradino alla volta senza mai accontentarci». E’ quanto Antimo Martino chiede ai suoi giocatori, specialmente dopo il derby double-face di domenica. «In palestra è stata una settimana molto intensa, infatti. Il coach ci spinge ad approcciare ogni gara sempre allo stesso modo, ci chiede di rimanere sempre focalizzati sui nostri concetti, concentrati, attenti e intensi. In un’immagine, direi che stiamo lavorando sulla solidità del nostro gioco».

E’ quanto servirà all’Unieuro nella trasferta contro Nardò, alla portata ma nient’affato semplice. «Sarà dura, lo dico convinto, perché oltre a giocare col coltello tra i denti dopo quattro ko, i nostri avversari hanno un roster importante e sono molto fisici. In più giochiamo in trasferta e la gara sarà realmente impegnativa: dovremo dimostrarci bravi, soprattutto a gettare in campo intensità, a metterci il corpo contro quello dei giocatori di Nardò, a imporre il nostro basket per provare a indirizzare subito il match».

C’è un’altra cosa che l’Unieuro può usare come arma in partita: Radonjic. Nardò, infatti, si ricorda molto bene di lui. Nella scorsa stagione, esattamente il 5 dicembre 2021 a Latina, “Tosho” abbattè i pugliesi con 21 punti, 6 rimbalzi, 2 assist e un clamoroso 7/8 da tre. «Quella partita me la ricordo bene anch’io – annuisce – d’altronde è stato il mio record di punti in A2 e 7/8 dall’arco non ti capita mica spesso di farlo. E’ un bellissimo ricordo, ma ora ne voglio altri con Forlì».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui