Basket A2, si separano le strade di Unieuro e coach Sandro Dell’Agnello

Le strade di Pallacanestro 2.015 e coach Sandro Dell’Agnello si separano. La società ha ufficializzato l’addio al tecnico livornese con questo comunicato ufficiale: “Pallacanestro 2.015 vuole ringraziare Sandro per il lavoro fatto in questi anni e per la serietà e professionalità dimostrate, aspetti che hanno contribuito ad una complessiva crescita della Società. Con lui alla guida, per la prima volta nella sua storia, la Pallacanestro 2.015 ha raggiunto le “Final Eight di Coppa Italia” di Serie A2 (2020, 2021), ha vinto la Regular Sesason 2020/2021 ed era seconda in classifica nella stagione 2019/2020 prima dell’interruzione dei campionati. Oltre a questo, si è giocata la finale di “Supercoppa 2020” e, più in generale, non vanno dimenticate la crescita tecnica e professionale di diversi giocatori da lui allenati in questi anni. E, come premi personali, il riconoscimento di essere stato nominato miglior allenatore del “Girone di Andata” nella stagione 2020/2021, nel premio istituito da LNP”.

Questo invece il ringraziamento del presidente Giancarlo Nicosanti: “Come può accadere, le belle storie hanno un inizio ed una fine; ma quelli che abbiamo vissuto, sono stati tre anni importanti per la giovane storia della nostra Società, ed abbiamo avuto la fortuna di condividere un evidente percorso di crescita con un grande allenatore come Sandro Dell’Agnello. In questi anni abbiamo vinto una regular season ed eravamo secondi al momento della sospensione dei campionati nel 2019/2020; nell’ultima stagione, non siamo stati fortunati su tante circostanze, ma anche le ultime partite contro un’ottima squadra come Cantù, hanno mostrato la bontà del lavoro fatto in questi anni. Personalmente, voglio ringraziare Sandro per tutto quello che ci ha dato e trasmesso perché, oltre ad essere un grande allenatore, è una persona di valore a cui va il mio riconoscimento”.

Infine il saluto di Sandro Dell’Agnello: “Impossibile raccogliere in poche righe quello che provo in questo momento e quello che sono stati questi miei tre anni a Forlì. Lascio la Pallacanestro Forlì 2.015 portandomi dietro un’esperienza lavorativa ed umana importante. Il percorso fatto insieme è già stato ricordato dal Presidente. Quello che voglio aggiungere è che ho dato tutto me stesso per questa maglia, che mi ha coinvolto totalmente fin dal primo giorno. Rimarranno con me i rapporti umani costruiti nel tempo con la Fondazione, il Presidente Nicosanti, il Gm Pasquali, gli staff, tutti i giocatori e tutti i Forlivesi che mi hanno sempre supportato. Grazie a tutti”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui