Per i tifosi biancorossi sarà la prima occasione di assistere a una partita dell’Unieuro. Seppure davanti a un computer, l’amichevole di questa sera alle 18 tra romagnoli e Kleb Ferrara, sarà visibile a tutti in diretta collegandosi a www.natlive.it. Non succedeva dal 16 febbraio scorso di guardare con i propri occhi un tiro di Davide Bruttini e compagni, e quel giorno in campo, ma con la maglia di Roseto, c’era anche Yancarlos Rodriguez. Ora il 26enne dominicano di passaporto italiano, battezzato Jefferson e quindi detto “Jeff”, veste i colori di Forlì e per lui la stagione entrante, è la grande occasione della carriera.

Dopo tanta B da protagonista, l’esperienza rosetana da “americano aggiunto” e la parentesi canturina durata troppo poco per essere significativa, l’Unieuro è infatti la società con più ambizione d’alta classifica nella quale il play abbia giocato. Va da sé che dovrà adeguare il suo gioco a un nuovo livello. «Sono pronto – ammette – d’altronde quest’estate mi sentivo in stazione ad aspettare il treno giusto sul quale salire. Quando è passato quello per Forlì ho capito che dovevo prenderlo, d’altronde io e la società abbiamo le stesse ambizioni e condividiamo gli stessi sogni da realizzare assieme. In questo campionato, per me l’asticella si alza e non dovrò portare solo la mia pericolosità offensiva, ma anzitutto fare le scelte giuste e avere il migliore approccio difensivo possibile».

E’ quanto gli ha chiesto coach Sandro Dell’Agnello. «Esatto, l’allenatore vuole che sia sempre intenso, che pressi difensivamente l’avversario come se fossi un pitbull e poi essere semplicemente me stesso, senza limitarmi, ma restando sempre in controllo».

Di fianco, Rodriguez avrà due “maestri” come Giachetti «da cui prenderò tutto ciò che si può prendere e al quale chiedo già un mare di consigli» e Roderick. Un mix perfetto «per consentirgli di esprimere tutte le sue qualità, continuare nel suo percorso di crescita e fare il vero salto di qualità» come ammette il presidente Giancarlo Nicosanti.

Starà però a lui cogliere l’occasione e il “giemme” Renato Pasquali lo avvisa già: «Noi abbiamo portato il cavallo all’acqua, ma non possiamo obbligarlo a bere – afferma – Rodriguez era nella mia agenda già la scorsa estate, ma il coach preferì avere un esterno americano. Quest’anno, però, con Giachetti stabilmente sesto uomo, era l’acquisto ideale perché ha fisico, talento e motivazione per ricoprire il ruolo di play titolare, dare punti e assist alla squadra».

Avrà quindi le chiavi in mano? Non l’unico mazzo a disposizione, ma uno di questi sì. Intanto “Jeff” si prepara al primo test contro una squadra di A2. «E’ il momento di fare salire energia e intensità. Teniamo a vincere anche queste partite».

Sul fronte abbonamenti, infine, la società annuncia la loro prossima partenza. «Solo quando avremo certezze su quanti spettatori fare entrare, però – precisa Pasquali – Intanto abbiamo provveduto a numerare anche tutto il terzo anello del palasport».

Argomenti:

Unieuro Forlì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *