Basket A2, l’OraSì Ravenna piazza Giulio Gazzotti sotto i tabelloni

L’OraSì Ravenna annuncia l’accordo con Giulio Gazzotti, ala forte di 202 cm che nell’ultima stagione ha indossato la canotta della Bertram Tortona.  Nato a Bologna il 23 settembre 1991, Gazzotti cresce nel settore giovanile della Virtus Bologna, con cui vince i titoli Under 17 e Under 19 e debutta in prima squadra in Serie A1 a 16 anni. Nel 2010/11 si trasferisce a Ozzano, in A Dilettanti, categoria in cui gioca anche le due stagioni successive, prima a Latina poi a Lucca e Ferrara.
Nel 2013/14 torna alla Virtus Bologna e resta in massima serie fino al 2019, prima a Cremona, poi due stagioni a Pesaro prima del ritorno a Cremona, dove gioca altri due anni, conquistando la Coppa Italia e raggiungendo la semifinale scudetto.
Nel dicembre 2019 si trasferisce ad Udine in serie A2, dove colleziona 5.8 punti e 4.9 rimbalzi a partita. La scorsa estate passa a Tortona con cui conquista la promozione in A1, dopo aver affrontato anche Ravenna nei quarti playoff. Per lui in stagione 4.2 punti e 4.8 assist in 20 minuti medi di utilizzo. In maglia azzurra anche l’esperienza con la Nazionale Under 20 ai tempi di Ozzano.

Queste le prime parole di Gazzotti in giallorosso: “Appena si è presentata l’opportunità di giocare a Ravenna ho subito manifestato interesse perché conosco la realtà, di cui ho sentito parlare molto bene. È importante che sia stato confermato il gruppo di italiani dello scorso anno e fondamentale, per me, è stata la lunga chiacchierata con il coach, molto entusiasta dell’opportunità che io arrivassi. In più vedendoli giocare il primo turno di playoff contro Tortona e la fatica fatta per qualificarci, me la ricordavo come una squadra tosta, quella che secondo me ci ha messo più in difficoltà lo scorso anno. A questo proposito ricordo anche con piacere il pubblico di Ravenna, l’unico che ci ha applaudito prima della partita. Non si poteva entrare e c’erano diversi tifosi all’esterno del PalaCosta: noi siamo arrivati prima dei giocatori di Ravenna e loro ci hanno applaudito prima della gara e anche alla fine. Questo è stato un grande esempio di sportività. So che è un pubblico caloroso che spero di incontrare presto alle gare, se sarà possibile entrare in una buona percentuale al palazzetto”.

Il commento di coach Lotesoriere: “Siamo onorati che un giocatore del calibro di Giulio, fresco vincitore del campionato, non ci abbia pensato due volte quando è arrivata la nostra chiamata. Non ultimo, nello scorso anno ha dimostrato la sua generosità e duttilità al servizio di un team vincente, ma allo stesso tempo mi ha trasmesso una grande voglia di riscatto per quanto riguarda il poter essere protagonista. Puntiamo tantissimo, oltre che su quello che potrà darci a livello tecnico, sulla sua intelligenza, grinta ed energia, che sono sicuro conquisterà tutti i nostri tifosi”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui