Basket A1 donne, Faenza sulle tracce di Cupido e Llorente

di GIOVANNI MORINI

Nero su bianco. La certezza della conferma era arrivata la settimana scorsa, ma da ieri c’è ufficialmente anche la firma sul contratto che legherà coach Sguaizer alla E-Work per la prossima stagione.

Per il bravo tecnico bresciano, che in questi mesi si è fatto apprezzare a suon di lavoro e risultati, rispondendo al meglio alla pesantissima eredità di Paolo Rossi, si tratta della prima esperienza in un campionato di serie A1.

Dopo aver ottenuto ottimi risultati in A2 (doppia coppa Italia vinta e promozione sfiorata con Crema e ovviamente la promozione di quest’anno), l’opportunità nella massima serie è giusta e meritata.

Nella sua seconda annata faentina, Sguaizer collaborerà anche con il settore giovanile del Faenza Basket Project. «Sono curioso di poter lavorare con le giovani che sono state le più penalizzate dalle restrizioni per il Covid».

Di questo e soprattutto di mercato si parlerà nell’incontro che è stato programmato per domani con il presidente Mario Fermi.

Spazio al mercato

Dopo le prime conferme (Policari, Porcu, Franceschelli, Schwienbacher e Morsiani) e le separazioni (Vente, Soglia) annunciate, spuntano i nomi di papabili nuovi arrivi: direttamente da Patti, sembrano vicine a Faenza il play Cupido e come comunitaria, l’ala-pivot Llorente, protagoniste della sorprendente stagione della squadra siciliana, eliminata in semifinale proprio dalla E-Work nella sua cavalcata verso la promozione in A1.

«La maggior parte delle squadre di A1 è fatta e finita ormai da tempo – sottolinea Sguaizer – quindi dobbiamo fare in fretta ma senza sbagliare le scelte».

Faenza è su due americane, un’esterna e un centro che hanno già maturato esperienza nel campionato italiano. L’esperienza nel nostro campionato di due giocatrici chiave è considerata fondamentale per attutire l’impatto con la nuova, nobile e difficile realtà.

La formula

La serie A1 della prossima stagione sarà formata da 14 squadre: dalla prima all’ottava vanno ai play-off scudetto, la nona chiude in anticipo la stagione, dalla 10ª alla 13ª si giocano i play-out salvezza, una sarà retrocessa e farà compagnia alla 14ª che scenderà direttamente in serie A2.

Le avversarie

Le manfrede se la vedranno con Schio, Venezia, Virtus Bologna, Ragusa, Costa Masnaga, Sesto San Giovanni, San Martino di Lupari, Empoli, Campobasso, Lucca, Broni, Sassari e l’altra neopromossa Moncalieri.

La festa continua

Nei prossimi giorni, intanto, la E-Work sarà ricevuta e premiata dal presidente regionale Stefano Bonaccini.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui