SAN MARINO – La serie scudetto del baseball torna protagonista e questa settimana sarà decisiva per il titolo italiano 2020. Stasera e mercoledì a Bologna, domani a San Marino (sempre alle ore 20) dove si svolgeranno, se necessarie, anche la sesta e la settima partita delle Italian Baseball Series.

San Marino ha sbancato Bologna, la Fortitudo ha risposto a Serravalle e come spesso accade, garatre di stasera potrebbe essere decisiva. Il manager emiliano Frignani manderà sul monte di lancio il cubano Leyva, Chiarini risponderà con Hernandez schierato in batteria con Ahrens, mentre Caseres si sposta in prima, Pulzetti in seconda e in terza Di Fabio che farà il suo debutto in questa serie scudetto.

«Nessuno pensava di vincere la serie 4-0 e 10-0 ogni partita – dice alla vigilia il manager dei titani, Mario Chiarini – quindi non avevamo certo cantato vittoria dopo i quattro punti segnati al secondo inning venerdì sera. Ripartiamo da quanto di buono abbiamo fatto in garadue e dall’entusiasmo che ho visto in allenamento».

Avete fatto nove valide in entrambe le partite, dove è stata la differenza? «A Bologna abbiamo giocato una grande partita nel box di battuta. Brolo è un pitcher che ci aveva messo in difficoltà quest’anno in regular season, invece in questa occasione ci ha messo la palla dove noi siamo più pericolosi e sono arrivati ben quattro fuoricampo, ma soprattutto una prestazione convincente nella sua globalità. Certo, poi Solbach ha fatto il resto. Venerdì invece non siamo riusciti a concretizzare le nove valide. Diciamo che è stata una partita come se ne vedono parecchie nel baseball, dove vince la squadra che batte meno valide e commette più errori. Una partita non bella in generale dove noi ci abbiamo messo del nostro e alla fine è arrivata la sconfitta. Questa volta le battute extrabase sono arrivate dal loro line-up che ci ha fatto pagare con gli interessi tutte le nostre incertezze».

Argomenti:

BOLOGNA

finale scudetto

san marino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *