Banksi a Palazzo dei Diamanti di Ferrara

Ha aperto a Palazzo dei Diamanti la mostra Un artista chiamato Banksy, a cura di Stefano Antonelli, Gianluca Marziani e Acoris Andipa, ideata e prodotta da MetaMorfosi in collaborazione con Ferrara Arte.
Chi è
Di lui non si sa molto. Originario di Bristol, nato intorno al 1974, inquadrato nei confini generici della street art, Banksy rappresenta il più grande artista globale del nuovo millennio, esemplare caso di popolarità per un autore vivente dai tempi di Andy Warhol. A parlare, al posto dell’artista inglese che nessuno ha mai visto e di cui nessuno conosce il volto, sono le sue opere. Opere di inaudita potenza etica, evocativa e tematica. Banksy rappresenta la miglior evoluzione della Pop Art originaria, l’unico che ha connesso le radici del pop, la cultura hip hop, il graffitismo anni Ottanta e i nuovi approcci del tempo digitale.
La mostra
Quello a Palazzo dei Diamanti è un imponente evento che riunisce oltre 100 opere e oggetti originali dell’artista britannico, in un percorso espositivo che dà conto della sua intera produzione: vent’anni di attività che iniziano con i dipinti della primissima fase della sua carriera, fino agli esiti dello scorso anno con le opere provenienti da Dismaland, come la scultura Mickey Snake con Topolino inghiottito da un pitone. Ci sono poi gli stencil e, ovviamente, le serigrafie che Banksy considera vitali per diffondere i suoi messaggi. Un quadro raccontato esaurientemente da ricche schede testuali in grado di ricostruire storie, aneddoti, provenienze e relazioni.
L’opera non commerciabile
«Banksy mette in discussione concetti come l’unicità, l’originalità, l’autorialità e soprattutto la verità dell’opera – spiegano i curatori Antonelli e Marziani – tratteggiando una nuova visione sulla relazione tra opera e mercato, istituendo, di fatto, un nuovo statuto dell’opera arte, una nuova verità dell’arte stessa, ovvero l’opera originale non commerciabile».
Banksy preferisce da sempre la diffusione orizzontale di immagini rispetto alla creazione di oggetti unici. Una lezione mutuata da Warhol. Il suo è un immaginario semplice ma non elementare, con messaggi che esaminano i temi del capitalismo, della guerra, del controllo sociale e della libertà in senso esteso e dentro i paradossi del nostro tempo. Per la prima volta una mostra esamina le immagini di Banksy all’interno di un quadro semantico che ne veicoli origini, riferimenti, relazioni tra gli elementi e piani di pertinenza. Completano la mostra diversi poster da collezione, le banconote Banksy of England, alcune rare T-shirt e i progetti di copertine di vinili.
L’artista non è in alcun modo coinvolto in questa mostra e il materiale proviene da collezioni private.

Commenti

  1. Come la pittura e l’immagine può essere al giorno d’oggi un veicolo potente della espressione visiva tramite la visualizzazione dell’occhio e il pensiero, non solo fisicamente ma anche tramite i siti oneline e come può influenzare la stessa persona che comunica con i siti, dal computer allo smartphone.
    Banksy questo giovane artista conosciuto in tutto il mondo usa la sua arte pittorica come immagini, per trasmettere alla nostra civiltà una forma di comunicazione visiva che si avvicina alla Pop Art, l’arte popolare come fece Warhol, can il suo modo di comunicare quello che lui voleva rappresentare con la Pop Art. Rappresentava il consumismo, anche se all’epoca i mezzi di comunicazione elettronica, non erano ancora nati e non avevano un grosso impatto, sull’opinione pubblica mondiale.
    Wharhlo, usava solamente la pittura per comunicare al mondo la sua idea, dell’arte popolare.
    Banksy usa due concetti la pittura sulla tela e comunica al mondo intero con one line, e cioè i siti e le immagini che si vedano sul computer o su lo smartphone, con un’immagine visiva, il giovane artista comunica anche tramite l’elettronica.
    La mostra al Palazzo dei Diamanti a Ferrara, sarà un percorso forse unico, con il quale la persona si può immedesimare all’interno di un mondo, che può essere indubbiamente grande e vasto, ma che con i sistemi di comunicazione elettronici, questo mondo diventa sempre più piccolo, e così facendo le distanze si accorciano sempre di più, collegandosi al Computer o su smartphone, in pochi secondi ti ritrovi a vedere immagini dell’Australia e magari vedere una mostra di pittura a Sidney, in diretta.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui