Meldola, bimbo ferito con la fiamma ossidrica, ustioni al 40%: è gravissimo

FORLI’. Un tranquillo pomeriggio in casa si è rivelato invece un tragico giorno per un bambino di sette anni residente a Meldola. Ieri pomeriggio intorno alle 15.30 è stato aggredito da una vampata di fuoco in garage, sprigionata probabilmente dal contatto tra la fiamma ossidrica che stava maneggiando un familiare e tracce di carburante che si trovavano a terra sul pavimento. Il piccolo, trasportato d’urgenza all’ospedale Bufalini di Cesena a bordo dell’elisoccorso, è ricoverato ora nel reparto di Rianimazione pediatrica in gravi condizioni. Le lingue di fuoco, secondo il parere dei medici che l’hanno visitato una volta giunto in Pronto soccorso, hanno ustionato il 40% del suo corpo. La prognosi è riservata.
La dinamica

In base a quanto ricostruito dai carabinieri della stazione di Meldola, accorsi sul posto poco dopo i sanitari del 118, il bambino si trovava in garage insieme ai familiari, quando all’improvviso la fiammata scaturita dal contatto tra la fiamma ossidrica e le macchie di carburante lo ha investito. Attimi terribili in cui i parenti presenti, tra cui i nonni del bimbo, si sono precipitati a spegnere le fiamme e chiamare i soccorsi. A prima vista, le maggiori ustioni sul corpo del piccolo risultavano concentrate nelle dita dei piedi e delle mani, così come sul torace.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui