Bagno di Romagna si accende per il Natale

La stagione turistica a Bagno di Romagna non si ferma. Dopo gli ottimi dati dell’estate appena conclusa, con un agosto che addirittura supera le presenze record del 2019, si staassistendo ad un autunno altrettanto positivo con migliaia di turisti che hanno scelto di visitare il territorio, sia per degustare le tipicità enogastronomiche locali, a cui hanno contribuito anche le eccellenti sagre organizzate con l’assiduo impegno delle Pro Loco di Selvapiana e Bagno di Romagna, che per vivere il nostro ambiente nella stagione del Fall Foliage.

In questo contesto, l’attività di promozione trainata dall’Amministrazione comunale di Bagno di Romagna punta ora l’attenzione sul periodo natalizio. Al riguardo, si è appena concluso il bando comunale dedicato al finanziamento delle luminarie natalizie, che ha riconosciuto alle Pro Loco locali un contributo per l’acquisto, noleggio ed installazione delle luminarie natalizie.

“Quest’anno abbiamo voluto supportare gli attori locali che solitamente si occupavano di questa importante iniziativa, con un bando dal valore di 10.000 euro – commentano il sindaco Baccini e  l’assessore al turismo Francesco Ricci. Le Pro Loco che hanno partecipato all’avviso pubblico, sono state protagoniste di una grande stagione di rilancio del nostro territorio, animandolo con tante preziose iniziative” continua l’assessore. “Questo bando è stato pensato per supportarle ulteriormente per i mesi a venire ed arricchire lo spettacolo dei nostri borghi illuminati a festa per la stagione invernale, molto importante a livello turistico qui a Bagno di Romagna”.

Il 2021 è stato per il comune dell’Alto Savio un anno di ripartenza, come per tutte le grandi destinazioni turistiche romagnole. Ad oggi il lavoro di promozione messo in atto dall’amministrazione, il nuovo arrivo della tappa del Giro d’Italia, l’intraprendenza degli operatori privati e delle associazioni locali, hanno fatto sì che i numeri della località termale possano spiccare rispetto alle destinazioni dello stesso ambito.

Già ad agosto sono state superate le 106.000 presenze, facendone la prima destinazione termale dell’intera regione. I mesi di settembre ed ottobre hanno visto ottimi numeri di arrivi e presenze nelle strutture ricettive, nonché di avventori che hanno riempito ristoranti, rifugi ed i sentieri della Val di Bagno Trek. “Auspichiamo che questo trend possa continuare. La campagna vaccinale è uno strumento prezioso che garantisce questa ripartenza di un settore strategico per la nostra economia di montagne. Non va abbassata la guardia quindi, perché ancora non siamo comunque fuori dalla pandemia” conclude l’assessore Ricci.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui