Bagno di Romagna, sale l’esenzione Irpef per le fasce deboli

Nella lunga seduta che si è tenuta ieri sera, con ben 17 argomenti da discutere) il Consiglio Comunale di Bagno di Romagna ha approvato il bilancio di previsione dell’Ente comunale.

“Si tratta di un bilancio che tiene conto della delicata situazione che stiamo attraversando – commenta il sindaco Marco Baccini – e che abbiamo predisposto con stanziamenti prudenziali sia sul lato entrate, che su quello delle spese, cercando un equilibrio tra minori entrare conseguenti agli effetti del prolungarsi dello stato di emergenza Covid, quali esenzioni e minori introiti dal settore turistico, e maggiori spese connesse invece all’aumento delle materie prime per utenze. In questo delicato equilibrio, che richiederà un costante controllo dei conti in corso d’anno, tuttavia, non abbiamo rinunciato a prevedere qualche novità in favore di cittadini e imprese. D’intesa con le sigle sindacali è stato deciso di modificare il regolamento IRPEF con l’innalzamento dell’esenzione che passa da 10.000 a 12.000 euro, secondo una manovra che ha lo scopo preciso di aiutare le fasce di reddito più basse. Dell’innalzamento ne beneficeranno 250 cittadini per un totale di cittadini esentati che sale complessivamente a 1721.

Con questa manovra, che segue le altre modifiche all’IRPEF apportate negli scorsi anni con l’introduzione degli scaglioni progressivi e la riduzione introdotta nel 2019 – spiega Marco Baccini – il nostro Comune è tra quelli con un regime IRPEF più basso”.

E’ stato inoltre confermato il bonus nascite, con un regolamento che prevede il riconoscimento di 150 euro per ogni nuovo nato senza necessità di domanda, ma che aumenta ad € 250 in caso di presentazione di ISEE inferiore a 25.000 euro. il bonus viene rilasciato attraverso la card “La Vantaggiosa” così da stimolare l’economia locale in un meccanismo di circolarità all’interno delle attività comunali.

Anche il circuito “La Vantaggiosa” viene confermato con uno stanziamento di € 12.000 con il quale il Comune sostiene le spese generali di funzionamento e per attivare anche forme di welfare aziendale, che è stato replicato per la seconda volta dalla società Sampierana S.p.a. che ha regalato a tutti i 300 dipendenti una card con caricato un valore di € 70,00, che i dipendenti potranno spendere negli esercizi locali.

Sul lato imprese, inoltre, viene confermata la “No Tax Area”, per la quale il Comune rimborsa tutti i tributi locali (Tari, Canone Unico, IMU) a tutte le nuove imprese che apriranno nei centri abitati del territori comunale per i primi 3 anni di attività. Nei primi 3 anni hanno beneficiato di questa manovra ben 16 nuove attività con un’agevolazione di € 11.000.

Decisa la manovra sull’evasione fiscale di tributi e parcheggi, per la quale è stata prevista un’entrata di € 160.000 complessivi.

Confermati invece tutti gli stanziamenti a sostegno dei servizi a favore di cittadini, scuole pubbliche e paritarie e manutenzioni del territorio.

A riguardo di quest’ultimo settore, il bilancio recepisce un’altra novità rappresentata da un capitolo diretto alle manutenzioni delle frazioni abitate del Comune per un valore di € 60.000, che è destinato a realizzare opere concordate con i cittadini dei vari borghi negli incontri che l’Amministrazione tiene durante ogni anno.

Anche la manutenzione delle strade viene rafforzata con uno stanziamento complessivo di € 180.000, attraverso il quale l’Amministrazione intende portare a compimento il programma di manutenzione delle strade comunali.

Significativa è la parte degli investimenti a finanziamento dei cantieri e delle progettazioni, che ammonta complessivamente ad € 13.751,00, una cifra ragguardevole per un Comune delle dimensioni di Bagno di Romagna.

“Il dato ancor più importante – precisa il Sindaco – è che più della metà di questi finanziamenti si fonda su contributi esterni, derivanti da finanziamenti europei, statali, regionali e privati per un totale di € 9.000.000. Un importante dato positivo, frutto di un’intensa attività di ricerca di finanziamenti, che consente di avviare una grande mole di interventi senza pesare sulle tasche dei nostri cittadini”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui